Chiara Rizzo arrestata a Nizza. L’avvocato Candido: “Stava per costituirsi a Reggio Calabria “

chiara rizzo3Chiara Rizzo, moglie del latitante Amedeo Matacena, è stata arrestata in esecuzione del mandato di arresto europeo emesso dal GIP del Tribunale di Reggio Calabria, Olga Tarzia. La donna, spiega la Dia, è stata fermata all’aeroporto Internazionale di Nizza “Cote d’Azur” proveniente da Dubai (Emirati Arabi). Chiara Rizzo, coinvolta nell’indagine della Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, denominata ‘Breakfast’ “è gravemente indiziata di intestazione fittizia di beni, per aver occultato la titolarità di diverse società riconducibili al marito, nonché per aver favorito l’inosservanza della pena allo stesso Matacena, condannato in via definitiva a 5 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa”. La donna si trova ora nell’ufficio di polizia giudiziaria di Nizza.

E’ stata fissata per domani, alle 14,30 a Nizza davanti al giudice competente, l’udienza di convalida dell’arresto di Chiara Rizzo in base al mandato d’arresto europeo disposto dall’autorità giudiziaria di Reggio Calabria. Una volta valutate come regolari le procedure attuate, il giudice chiederà la documentazione che riguarda l’inchiesta in cui sono coinvolti la moglie di Amedeo Matacena e Claudio Scajola. Sarà necessario qualche giorno, dunque, perchè la donna possa essere estradata in Italia.

“A fronte di un biglietto pagato dalla signora, adesso il trasferimento a Reggio Calabria sarà a carico dello Stato ed inoltre si allungheranno i tempi prima che Chiara Rizzo possa presentarsi ai magistrati di Reggio Calabria”. Così l’avv. Bonaventura Candido, difensore della moglie di Amedeo Matacena, commenta l’arresto fatto a Nizza della sua assistita che aveva comunicato l’intenzione di proseguire il viaggio per Reggio Calabria per costituirsi stasera alle autorità italiane. “Hanno voluto fare così, pazienza”, aggiunge il legale. “Adesso – prosegue – la signora Rizzo dovrà rimanere almeno 24 ore in Francia. Contatterò l’altro difensore, Carlo Biondi, che essendo a Genova potrà assisterla in questa fase. Comunque lei non si oppone all’estradizione”. Candido, che è stato informato dalle autorità dell’avvenuto arresto, ha anche reso noto che la polizia francese ha già avvertito la famiglia di Chiara Rizzo che vive a Montecarlo.

Claudio Scajola, le altre 7 persone arrestate e Vincenzo Speziali, indagati in libertà per concorso esterno in associazione mafiosa, attraverso “operazioni politiche, istituzionali ed economiche” sono divenuti “terminale di un complesso sistema criminale”. Lo scrive la Dda di Reggio Calabria nel decreto di perquisizione eseguito con gli arresti. (ANSA)

(137)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *