Cadavere ritrovato in mare a Messina: la Capitaneria di Porto chiede aiuto per identificarlo

La Capitaneria di Porto di Messina chiede l’aiuto dei cittadini per identificare l’uomo ritrovato in mare senza vita lo scorso 14 dicembre nei pressi del molo, nelle vicinanze dell’Arsenale militare. A effettuare le operazioni di recupero del cadavere, al tempo, erano stati i Vigili del Fuoco.

Al momento del ritrovamento non era stato possibile risalire all’identità dell’uomo e, tutt’ora, si stanno cercando tutte le informazioni utile per riuscire a dargli un nome. Per questo motivo, la Capitaneria di Porto di Messina ha diramato una nota con cui chiede il supporto dei cittadini per riuscire a risalire alla sua identità.

Di seguito, la descrizione dell’uomo inviata dalla Capitaneria di Porto: si tratta di un uomo bianco, di razza caucasica, dall’età apparente di circa 65/70 anni, capelli radi, corti e brizzolati, peli della barba brizzolati, privo di denti. Al momento del ritrovamento era completamente nudo ad eccezione di un paio di calzini di colore scuro. Nella parte inferiore della gamba destra, sul lato esterno, è presente un tatuaggio raffigurante una mitraglietta.

Chiunque abbia notizie utili a risalire all’identità dell’uomo può contattare la Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Messina chiamando il numero di telefono 090/34.44.44 o inviando una pec/email ai seguenti indirizzi: cp-messina@pec.mit.gov.it oppure · cpmessina@mit.gov.it

(197)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *