Bufera sul Policlinico: mozzarelle scadute ai pazienti

Pubblicato il alle

1' min di lettura

E’ stato un maresciallo dei carabinieri in visita ad un parente ricoverato al Policlinico, reparto di Medicina Interna, ad accorgersi che la mozzarella sul vassoio-cena del paziente era scaduta. Non solo, anche quelle di altri pazienti riportavano la data di scadenza di alcuni giorni prima . Il militare ha dunque segnalato il fatto alla direzione ed avvertito i colleghi della stazione di Gazzi, che intervenuti hanno sequestrato le mozzarelle in giacenza e denunciato la ditta assegnataria del servizio di ristorazione per il Policlinico, impresa con sede in provincia di Vicenza. I reati ipotizzati sono: Somministrazione di alimenti in cattivo stato di conservazione e Commercio di sostanze alimentari nocive.

Ma le indagini proseguono per accertare a chi, all’interno della struttura clinico-universitaria, spetti il compito di vigilare sulla perfetta conservazione e commestibilità degli alimenti somministrati ai pazienti.

Anche la Direzione generale e la Direzione sanitaria del Policlinico hanno avviato una indagine interna per stabilire eventuali responsabilità tra i propri dipendenti. Del caso se ne occupa anche l’Asp di Messina e la Commissione interna di vigilanza.

La vicenda è avvenuta lo scorso 24 agosto, ne dà notizia oggi la “Gazzetta del Sud”.

(1176)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.