Auto blocca per mezz’ora Autobus e una trentina di vetture: arriva ‘Hulk’ e la sposta

auto provincialeLo vedete in foto l’ennesimo atto di assoluta inciviltà compiuta da un messinese: vedete l’auto azzurra, una Suzuki, parcheggiata dove non può (e neanche a ridosso del cordolo, ma distante quanto basta per impedire all’autobus di proseguire). Vedete anche la coda di auto dietro il mezzo Atm. Non potete vedere che la coda formatasi in mezz’ora arriva sino al Gran Camposanto.

Siamo a Provinciale, un sabato pomeriggio, oggi, in cui dalle 17 alle 17,30 la Suzuki azzurra ha bloccato conducente e passeggeri di un autobus e un centinaio tra automobilisti e occupanti delle vetture in fila.

Storie di ordinaria percorribilità messinese, queste, solo che oggi, allo strombazzare delle vetture, alle imprecazioni degli automobilisti, si è aggiunta la lite all’interno dell’autobus, tra conducente e passeggeri: il primo non voleva avanzare perchè troppo stretta la corsìa, i secondi a dire che si poteva e doveva farlo.

Ma a zittire tutti, clacson, passeggeri, conducente e automobilisti, è arrivato Lui, uno di poche parole, corpulento,  una sorta di incredibile Hulk che, evidentemente infastidito da urla e clacsonate, si è avvicinato all’auto colpevole di tanto baccano, quella azzurra in sosta vietata, e con un semplice scatto di bicipiti, afferratala da dietro, in prossimità della ruota sinistra posteriore, con un solo movimento l’ha accostata al cordolo.

Miracolo: la corsìa si è allargata, consentendo ad autobus e la trentina di vetture in coda di passare. Del proprietario della Suzuki nessuna traccia. Ci fosse o no in zona, gli è certamente convenuto non affacciarsi sul luogo del misfatto.

In compenso sono arrivati i vigili urbani: multa per l’auto azzurra e per tutte quelle in divieto di sosta. Traffico regolare, dopo.

L’incredibile ‘Hulk’, un ‘carro attrezzi vivente’ rimasto sconosciuto, se n’è andato senza neanche attendere gli applausi.

(20585)

4 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *