ruggeri

Antonio Ruggeri condannato a 4 anni e mezzo di reclusione

Pubblicato il alle

1' min di lettura

ruggeriSentenza di primo grado per l’ex commissario liquidatore dell’Ato3 di Messina, Antonio Ruggeri, accusato di peculato. I giudici della prima sezione penale hanno inflitto 4 anni e mezzo di reclusione, più la confisca della somma sequestrata, 52 mila euro, l’interdizione dai pubblici uffici e la trasmissione della sentenza alla Corte dei Conti, per l’accertamento del danno erariale, per il più “nominato” di palazzo Zanca.
Punto centrale dell’accusa erano stati i 136mila euro che ebbe come liquidazione da commissario Ato, al momento delle sue dimissioni, nel settembre 2013. Quell’incarico, va specificato, lui si era impegnato a svolgerlo a titolo gratuito poichè era contemporaneamente Capo di Gabinetto dell’allora sindaco Buzzanca.
Ruggeri fu arrestato e posto ai domiciliari dalla polizia.
Il Gip aveva anche ordinato il sequestro preventivo del suo conto corrente, fino a un importo massimo di 110 mila euro: finirono sotto chiave i 52mila euro trovati sul suo conto.
Per questa vicenda, l’ex Capo di Gabinetto dell’ex sindaco Giuseppe Buzzanca fu anche sospeso dal servizio. Sino al dicembre 2013. Il 2 gennaio, Antonio Ruggeri fu infatti riammesso in servizio al Comune. Oggi la condanna in primo grado di Giudizio.

(64)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.