Antimafia al Parco Nebrodi, Bindi: “Acquisiti dati importanti”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

La commissione parlamentare Antimafia, in missione questo pomeriggio a Sant’Agata Militello, dove si trova la sede del Parco dei Nebrodi, il cui presidente, Giuseppe Antoci, e’ scampato a un agguato della mafia dei pascoli, alcuni giorni fa.

Il presidente, Rosy Bindi, ed i componenti dell’organismo hanno incontrato il procuratore capo di Messina, Guido Lo Forte, il questore Giuseppe Cucchiara, il dirigente del Commissariato di Sant’Agata Militello, il vice prefetto, i comandanti provinciali di Carabinieri, Guardia di Finanza e Forestale, ma soprattutto hanno ascoltato Antoci.

“Siamo venuti qui per esprimere solidarietà e capire”, ha detto Rosy Bindi al termine dell’audizione nella sede del parco dei Nebrodi, “per esprimere anche ammirazione a lui e a tutte le forze dell’Ordine in particolare a chi per coraggio e abilità, è stato capace di fare fallire un terribile attentato”. E ancora: “Abbiamo acquisito degli elementi già adesso molto importanti che si arricchiranno sicuramente con il prosieguo delle indagini. Dagli elementi di conoscenza che abbiamo acquisito si apre un nuovo capitolo di lavoro per la nostra Commissione. Questo è un settore troppo importante per essere dimenticato e riguarda in particolare la Sicilia. Non solo intorno ai fondi europei ma intorno ai terreni di questa regione, come di altre regioni, gira un patrimonio enorme di denaro di cui le mafie si appropriano, sottraendolo allo sviluppo ed alla crescita di questa terra. Crediamo – conclude Bindi – che ci sia la possibilità di intervenire in maniera preventiva e faremo le nostre proposte come sempre facendoci aiutare da chi è in prima linea”.

(111)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.