Sardegna: l’isola delle meraviglie da vivere tutto l’anno

foto-sardegna-traghettiLa Sardegna è la seconda isola per grandezza del Mediterraneo e insieme alla Sicilia sono i due piccoli gioielli dell’Italia. Anche se tutto il nostro territorio è disseminato di luoghi e siti incantevoli, queste due isole sono quelle maggiormente frequentate dai turisti, specialmente nel periodo estivo. La Sardegna per la sua conformazione è una regione da visitare in qualunque momento dell’anno, anche se conosciuta principalmente per le sue splendide spiagge bianche e per la trasparenza delle sue acque.

Se desiderate pianificare un viaggio in autunno o in primavera, ecco alcuni utili consigli su cosa fare.

Birdwatching

La Sardegna è il paradiso terreste per gli amanti della natura e degli animali. In particolare lungo la costa in provincia di Oristano, potrete osservare i meravigliosi fenicotteri rosa, gli aironi rossi, e molte altre specie di uccelli.

Assaporare i piatti tipici

Non potete ritornare a casa senza aver assaporato i piatti tipici della tradizione sarda. Prodotti tipici della terra, quali salami, formaggi, pane e pasta sono davvero deliziosi. Le pietanze sono quasi tutte povere, ma comunque molto gustose. Gli gnocchetti sardi, tipica pasta tradizionale condita con sugo di salsiccia, il porcetto cotto sulla brace in verticale o sotto terra ricoperto da foglie di mirto. Per concluedere il pasto non può mancare il dolce, la Seadas, raviolone di peretta fritto e inondato di miele, il tutto servito con un buon liquore, il Mirto.

foto-sardegna-traghetti-2Visitare i villaggi dei minatori

Questa è sempre stata una terra di minatori, fin dai tempi antichi, tanto che il territorio e cosparso di villaggi e antiche miniere abbandonate. La più famosa è sicuramente Porto Flavia, che presenta un lunghissimo tunnel che termina a picco sul mare.

La Sardegna è raggiungibile con l’aereo, ma vi consigliamo di noleggiare un’auto in quanto i collegamenti interni non sono molto affidabili, la regione è ancora per gran parte selvaggia. Sicuramente più comodo è imbarcare la propria auto su uno dei tanti traghetti per la Sardegna, in questo modo sarete indipendenti e avrete anche meno pensieri su eventuali danni che potreste causare alla macchina.

(222)

Categorie

Redazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *