Zona Falcata. Genovese (Cisl): «C’è l’accordo. Ora si pensi alla realizzazione dei contenuti»

zonafalcataIl primo passo è stato compiuto, un passo importante per Messina e la riqualifica della zona falcata – area di grande importanza storica, strategica e naturalistica. Il prossimo dovrà essere ora compiuto mettendo in pratica il contenuto del protocollo, firmato ieri, che attribuisce il passaggio delle competenze su tutte le aree all’Autorità Portuale.

«Lo scioglimento dell’Ente Porto – commenta Tonino Genovese, segretario generale della Cisl Messina – era un passaggio inevitabile per ridare una speranza progettuale a Messina e alla zona falcata. Lo sosteniamo da anni e finalmente, si è arrivati alla conclusione di una vicenda assurda e paradossale di sovrapposizione di competenze».

«Adesso – continua Genovese – bisogna esigere la realizzazione del contenuto del protocollo, partendo da una conferenza di servizi che veda coinvolti tutti i soggetti istituzionali, delle organizzazioni produttive e dei sindacati per programmare concrete azioni per procedere alla demolizione dell’inceneritore, alla bonifica delle aree con presenza d’inquinanti e la riqualificazione e la funzionalizzazione, attraverso finanziamenti regionali e comunitari, dei siti archeologici e storici della zona falcata. Il futuro di Messina parte da qui, dalle aree della Fiera e dalla riappropriazione delle aree ferroviarie non utilizzate attraverso la conquista dell’affaccio a mare. È però il caso di porre attenzione alle opportunità offerte dal punto franco studiando la possibilità di una sua delocalizzazione sulle aree del polo industriale di Giammoro». 

(50)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *