Teatro. I sindacati diffidano i vertici dell’Ente e criticano “l’arbitrarietà gestionale”

teatro12«Arbitrarietà gestionale», è questa la ragione che ha spinto Slc Cgil, Uilcom Uil e Fials Cisal scrivono una nota in cui evidenziano: «Siamo state informate dalle rispettive Organizzazioni Sindacali Confederali e dalle Segreterie di Categoria che rappresentano la Funzione Pubblica, in merito a una convocazione, inoltrata da parte di Codesto Ente e a firma del presidente Maurizio Puglisi, per il prossimo 18 luglio. Non comprendiamo quale sia la motivazione, se non quella di un atto palesemente arbitrario, che ha indotto il responsabile dell’Ente a effettuare un percorso che ha tutte le caratteristiche di un azione di natura antisindacale, non rispettando i criteri previsti dal Ccnl (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) vigente all’Eear Teatro di Messina e con il quale i dipendenti in organico sono inquadrati e vengono retribuiti».

«I dipendenti ‒ evidenziano i sindacati  ‒ hanno aderito alle scriventi sigle sindacali, ma non solo a queste, risultano rappresentati da Oo.sS. firmatarie del Ccnl delle Fondazioni Lirico Sinfoniche. In un colpo solo quindi, attraverso questa “furbata”, il Presidente pensa di decidere autonomamente, e a prescindere dalle condizioni normative esistenti, fuori dal rispetto delle procedure, dalle deleghe sindacali e non ultimo dal grado di rappresentanza, chi debba essere il proprio interlocutore titolato a rappresentare i lavoratori e a siglare, pertanto, atti che abbiano vigore normativo. I dipendenti dell’Ear, come ogni altro lavoratore in questo Paese, devono obbligatoriamente avere un contratto di lavoro applicato e di riferimento che definisca quali sono i doveri e i diritti: nel caso in questione è quello, e solo quello, che ad oggi ha reso funzionale l’Ente stesso».  

E definiscono «autonome e ardimentose» le iniziative intraprese dal Presidente, che ‒ precisano ‒ ha scelto «discrezionalmente le proprie controparti». Così facendo ‒ puntualizzano ‒ «mette a rischio la validità degli atti che potranno essere sottoscritti, con le eventuali conseguenze che ne possano derivare a carico dell’Ente».

E proseguono: «Convocare i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali di categorie diverse e quindi firmatarie di altro contratto, quando questo strumento contrattuale di fatto non regola in alcun modo il rapporto di lavoro dei dipendenti dell’Ear, è del tutto forviante oltre che inutile e dannoso, poiché la titolarità a trattare è storicamente assunta dalle organizzazioni sindacali firmatarie del Ccnl delle Fondazioni Lirico Sinfoniche».

Rispetto delle regole, la certezza sugli atti, obblighi nei confronti dei lavoratori e necessità di trasparenza, sono questi gli obiettivi da perseguire per Slc Cgil, Uilcom Uil e Fials Cisal che  diffidano «dal proseguire con atteggiamenti oggettivamente discriminatori e antisindacali» e invitano  l’Ear Teatro di Messina, il presidente Puglisi e il sovrintendente Antonino Saija «ad agire nel rispetto delle regole, operando una rimodulazione della convocazione alle organizzazioni sindacali  titolate legittimamente alla rappresentanza».

(45)

Categorie

Sindacale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *