La Corte d’Appello dà ragione agli 11 precari. Sequestrata la Logudoro di Rfi

La nave Logudoro della Rfi è stata sequestrata.

Questa mattina, l’ufficiale giudiziario, insieme all’avvocato degli undici marittimi precari, a cui spettano somme per oltre 300.000 euro, è giunto al molo dove si trova la nave, per notificare al comandante l’atto di pignoramento. La Logudoro, tuttavia, è stata trovata, contro le norme del Codice di navigazione, priva dell’equipaggio di guardia.

“In questi giorni – così riporta il comunicato dell’Orsa -, tutte le sigle sindacali hanno chiesto chiarezza a Rfi sul futuro della nave per la quale sono stati investiti parecchi soldi pubblici, senza riuscire a metterla in linea. L’azienda si è limitata a comunicare che ancora non è stato deciso il suo utilizzo ma per il fronte sindacale, la nave resta una risorsa imprescindibile, per la quale sono stati investiti tempo e denaro della collettività e non può essere abbandonata al proprio destino, se non sostituita da un’altra unità per la garanzia del diritto alla continuità territoriale”.

 

 

(214)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *