Elezioni. Antonio Saitta: «Caccia al pescespada diventi patrimonio dell’UNESCO»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Amministrative 2018. Far diventare la caccia al pescespada patrimonio dell’UNESCO, questa una delle proposte del candidato sindaco Antonio Saitta per valorizzare il mare, il territorio e dare maggiore spazio alle tradizioni messinesi.

«La caccia al pescespada merita di essere dichiarata patrimonio immateriale dell’UNESCO – ha affermato in proposito il candidato del centro-sinistra. È una tradizione unica al mondo per storia e mitologia, e identifica il territorio e i suoi abitanti».

Ma la pratica della caccia al pescespada non è l’unico punto su cui focalizza l’attenzione Antonio Saitta che si impegna, in caso di elezione, a varare un nuovo “piano spiagge”, una serie di iniziative finalizzate a tutelare maggiormente chi lavora con il mare, disciplinando una situazione, a suo dire, ai limiti dell’anarchia.

«Dobbiamo pensare una politica del mare che non sia basata solo su traghetti e crociere, ma che sia attiva verso chi il mare lo vive tutti i giorni e ci lavora. È necessario un piano spiagge, in modo da disciplinarne l’utilizzo e cancellare l’anarchia attuale – ha spiegato il candidato. È opportuno separare l’attività tra l’uso balneare; la piccola pesca professionale; la pesca sportiva e per il varo e l’alaggio delle barche (tirare in secco un’imbarcazione sulla spiaggia, ndr) e prevedere appositi spazi e scivoli in tutto il territorio costiero comunale, per consentire il varo delle piccole barche per il diporto e la pesca dilettantistica».

Per quel che riguarda la zona di Ganzirri, l’idea di Antonio Saitta è quella di recuperare il vecchio progetto di realizzazione di una barriera a protezione delle feluche e delle barche, spesso a rischio a causa delle avverse condizioni meteo: «Occorrerebbe, inoltre – ha aggiunto – costruire un molo galleggiante protetto per l’approdo dei diportisti, cosa che darebbe favorirebbe lo sviluppo di attività turistiche, ricettive e gastronomiche».

«Infine, è un peccato che il Comune di Messina si sia fatto sfuggire l’occasione di aderire al Cag (Gruppo d’azione costiera), che avrebbe consentito di recepire importanti risorse – ha concluso Saitta. Bisogna istituire a Palazzo Zanca un ufficio dedicato al tema della pesca e uso del mare».

(100)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.