fc messina serie c

Clamoroso FC Messina: negata l’ammissione in Serie C

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Non sarà, almeno per il momento, Serie C per il FC Messina. Il Consiglio Federale della FIGC, riunitosi martedì 27 luglio alle ore 11:00, ha ratificato le decisioni del Collegio di Garanzia del CONI e della COVISOC in materia di riammissione al prossimo campionato di Lega Pro. La fideiussione di 350.000 euro presentata dai peloritani è stata giudicata irregolare dagli organi federali, che hanno quindi negato al Football Club Messina la richiesta di ammissione arrivata dopo la rinuncia del Gozzano. Il club che sostituirà i messinesi, bloccati un altro anno tra i dilettanti, sarà il Picerno.

La società guidata da Rocco Arena, vincitrice degli ultimi playoff di Serie D, aveva ottenuto la prima posizione nella graduatoria valida per i ripescaggi grazie all’autoesclusione dell’Aglianese. Il FC ha quindi deciso di percorrere la strada dell’ammissione, mirando al posto lasciato vacante nel girone A dal Gozzano, riservato alle squadre neopromosse. Negli ultimi 15 giorni era iniziata una vera e propria corsa contro il tempo: prima la regolare iscrizione in Serie D (giunta a pochi minuti dalla scadenza), poi la disponibilità dello stadio “Scida” di Crotone, la trasformazione della forma societaria da S.s.d. a S.r.l e infine la tanto agognata garanzia fideiussoria.

Sarebbe stata appunto la fideiussione a non convincere le autorità competenti. I giallorossi, seguiti dallo studio legale di Edoardo Chiacchio, avevano risolto in fretta e furia tutte le intricate questioni burocratiche, ma proprio perché hanno cambiato denominazione sociale in S.r.l in pochissimi giorni non hanno potuto ottenere la fideiussione da una banca iscritta all’albo di Bankitalia, come invece richiederebbe il regolamento federale.

Il presidente Arena ha confermato che la società si è servita della banca Credit Glorious Property Holdings Limited, un istituto americano con sedi a Hong Kong e in Svizzera, l’unico a concedere la garanzia, tuttavia non riconosciuto dalla Lega. Il patron lombardo ma di origini siciliane ha già annunciato che il FC Messina farà ricorso fino all’ultimo grado di giudizio per la promozione in Serie C e la sentenza definitiva del Collegio di Garanzia del CONI che definirà il futuro della squadra è attesa per giovedì 29 luglio. In alternativa, si potrà adire il TAR del Lazio per l’ammissione in sovrannumero.

In entrambi i casi, la società dovrebbe allegare una nuova fideiussione concessa da una banca italiana e in questo senso verrebbe in soccorso il precedente del Pisa, che nel 2016 vinse il ricorso per il ripescaggio in Serie B grazie a un’ulteriore garanzia elargita da Banca Monte dei Paschi di Siena, ma non è detto che le rimostranze di Arena e soci vengano accolte dalla giustizia sportiva e/o amministrativa.

Nel frattempo, sopraggiunge un’altra grande delusione per il Football Club, dopo la mancata concessione pluriennale del “Franco Scoglio” per il quale è stato presentato al Tribunale Amministrativo Regionale di Catania un ricorso da oltre 400 milioni di euro contro il Comune di Messina per danni patrimoniali e non patrimoniali.

Foto di Marco Familiari tratta dalla pagina Facebook ufficiale Football Club Messina

(2021)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.