Il Messina butta via il derby, al “Franco Scoglio” il Catania fa festa

Messina-CataniaIl Messina si butta via, mandando in fumo una vittoria in un derby che al minuto 65′ sembrava ormai in cassaforte. A gelare gli 8mila del “Franco Scoglio” ci hanno pensato Pozzebon e Barisic, completando la rimonta di un Catania rimasto in dieci dal 7′ del primo tempo. Ad illudere i peloritani ci ha pensato Milinkovic che al 58′ su rigore ha segnato il gol del momentaneo vantaggio, prima dell’espulsione di Da Silva al 66′.

Classico 4-3-1-2 per Lucarelli, che poco prima del match deve fare a meno di De Vito. Così Bruno viene spostato a sinistra, Grifoni a destra mentre al centro ci sono Rea e Maccarrone. Musacci è il playmaker, Da Silva e Sanseverino completrano il reparto. Mancini agisce dietro le punte Milinkovic e Anastasi. Piove a dirotto sul “Franco Scoglio”, il terreno è pesante e scivoloso e la gara si fa subito in salita per gli etnei, quando Musacci al 7′ lancia Anastasi in campo aperto, l’attaccante giallorosso scappa via a Gil che lo ferma irregolarmente.

Il direttore di gara estrae il cartellino rosso, decisione che sembra ineccepibile visto che Anastasi si sarebbe presentato da solo davanti a Pisseri. Sul calcio di punizione dal limite dell’area Musacci sfiora il palo. Al 12′ ancora Messina, sponda di testa di Anastasi che trova Sanseverino che prova il rasoterra a giro, ma Pisseri si distende ed evita il peggio. Petrone non cambia gli interpreti, passando ad un coperto 4-3-2 con Bucolo e Fornito che spesso provano la conclusione da fuori senza mai inquadrare lo specchio.

Al 28′ si rivede il Messina, magia di Milinkovic sul vertice destro che mette dentro un cross delizioso per Da Silva che si inserisce e colpisce di testa ma Pisseri si distende compiendo una gran parata. Pochi istanti dopo il Messina va ad un passo dal vantaggio, perchè dopo un corner la difesa etnea allontana, Mancini ci prova ma dopo un rimpallo la sfera arriva sui piedi di Anastasi tutto solo davanti a Pisseri preferisce la conclusione di precisione rispetto a quella di potenza, divorandosi quello che sembrava un gol già fatto. Il Messina ci prova fino alla fine, ma il risultato non cambia così le due squadre vanno negli spogliatoi sullo 0-0.

La ripresa si apre subito con il Messina vicino al gol, grazie a Rea che svetta più in alto di tutto dopo un corner ma un difensore etneo salva sulla linea. Un minuto più tardi si vede il Catania con Biagianti che dalla sinistra calcia un diagonale che termina a lato. Al 55′ il secondo episodio determinante: Bergamelli appena dentro l’area di rigore trattiene Anastasi, il direttore di gara ci pensa un pò, ma alla fine indica il dischetto. Cocenti le proteste ospiti ma la decisione è irrevocabile. Dal dischetto si presenta Milinkovic che calcia sulla destra e spiazza Pisseri per l’1-0.

Il “Franco Scoglio” si trasforma in una bolgia dantesca ma il Messina riesce a complicarsi la vita al 66′, quando Da Silva, già ammonito, falcia Bergamelli nei pressi della linea laterale di sinistra, chiudendo prima del tempo la sua partita. Fallo sciocco del brasiliano che ha peccato di generosità. Il Catania si fa vedere al minuto 70′ con una punizione di Fornito dalla destra, ma Berardi si distende ed evita il peggio.

Al 73′ il Messina avrebbe l’occasione per chiudere la gara, contropiede micidiale di Milinkovic che però non sfrutta un due contro uno e invece che servire Anastasi si avventura in un dribbling di troppo e Pisseri lo ferma in uscita. Un solo giro d’orologio e si consuma la legge più antica del calcio: traversone perfetto di Marchese dalla sinistra che trova la testa di Pozzebon che la tocca quel tanto che basta per mettere fuori tempo un Berardi rimasto a metà strada.

Una beffa atroce per il Messina, che appena pochi istanti prima aveva assaporato il gusto del possibile raddoppio. Sempre in contropiede però il Messina ha la palla del nuovo vantaggio, questa volta Milinkovic serve l’accorrente Rea che tutto solo davanti a Pisseri spara addosso all’estremo etneo. Adesso il Catania sente profumo d’impresa e ci crede: all’83’ sciocchezza di Grifoni che trattiene in area Pozzebon e per l’arbitro è ancora rigore, per una decisione che sembra ineccepibile.

Dal dischetto va Pozzebon che angola troppo e manda clamorosamente a lato. Il sospiro di sollievo dura veramente poco, perchè all’86’ il neoentrato Barisic raccoglie una palla vagante in area di rigore e dalla destra calcia di prima intenzione sul primo palo non lasciando via di scampo a Berardi. Il Messina raccoglie l’abbraccio della curva per una sconfitta immeritata, figlia degli episodi ma soprattutto dell’ingenuità della squadra di Lucarelli che può recriminare sia per le occasioni sprecate che per la gestione del vantaggio.

Tabellino

Messina-Catania 1-2

Marcatori: 58′ Milinkovic rig., 74′ Pozzebon, 86′ Barisic

Messina
Berardi, Sanseverino (85′ Plasmati), Maccarrone, Musacci, Anastasi, Milinkovic, Bruno, Rea, Da Silva, Mancini (65′ Foresta), Grifoni

A diposizione: Russo, Ansalone, De Vito, Palumbo, Saitta, Akrapovic, Capua,Ciccone, Ferri, Madonia,

All. C. Lucarelli

Catania
Pisseri, Bergamelli, Bucolo(69′ Barisic), Gil, Pozzebon, Russotto (65′ Parisi), Marchese, Djordjevic, Fornito, Biagianti, Tavares

A disposizione: Martinez, Scoppa, Natale, Di Grazia, De Rossi, Longo, Piermarteri, Mazzarani, Manneh

All. M. Petrone

Arbitro: Sig. Francesco Forneau di Roma 1

Assistenti: M. Nocenti di Padova; L. Cassarà di Cuneo

Ammoniti: Rea, Bergamelli, Russotto, Anastasi, Fornito, Bruno

Espulsi: Gil al 7′ per fallo da ultimo uomo, 66′ Da Silva per doppia ammonizione

(198)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *