Il Messina si rialza con onore: 3-1 contro il Lecce al San Filippo

messina-lecceTre sconfitte di seguito e poi la vittoria. Il Messina riprende vigore con 3 gol contro il Lecce, e il San Filippo è in festa. Il primo gol in casa giallorossa è stato dei pugliesi ( anche l’unico) di Moscardelli, ma l’espulsione rimediata da Lopez nel finale di primo tempo cambia il corso della partita. Il Messina reagisce nella ripresa, va a segno al 1’ con Orlando ed all’11’ con Corona, capovolgendo il risultato. Tris ad opera di Vincenzo Pepe, con una magistrale punizione, al 41′. Lecce ko e porta di Caglioni violata dopo oltre 500′.

Il pre-partita. Grassadonia, che deve rinunciare agli squalificati Enrico Pepe e Bortoli, oltre agli infortunati Bjelanovic e Stampa, opta per un undici assolutamente inedito, sulla base del modulo 4-3-3. Iuliano tra i pali viene preferito a Lagomarsini, apparso non al top nelle ultime uscite. Benvenga, Altobello, Stefani e Silvestri in difesa, Damonte in mezzo al campo con Bucolo e Nigro. Orlando, Bonanno e Corona a comporre il tridente offensivo. Panchina per Vincenzo Pepe, tribuna per Donnarumma. Nel Lecce, senza gli infortunati Miccoli e Abruzzese (completano la lista i lungodegenti D’Ambrosio, Diniz, Vinetot e Bogliacino), torna a sedere in panchina Franco Lerda, che ha finito di scontare la squalifica relativa ai fatti della passata finale playoff con il Frosinone. Nella formazione iniziale spazio a Lepore, anch’egli al rientro dopo una lunga squalifica. E’ questa, con il classe ’85 preferito a Carrozza, l’unica variazione rispetto alla vittoriosa gara con la Paganese. In porta l’ex Caglioni. Coppia d’attacco composta da Moscardelli e Della Rocca.

(48)

Categorie

Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *