Calcio. L’Acr Messina non va oltre il pareggio. Contro il Marsala finisce 0 – 0

L’Acr Messina non riesce a portare a casa la terza vittoria consecutiva, complice un ottimo Marsala. Le squadre hanno giocato a viso aperto, creando moltissime occasioni da gol. Per il Messina allenato da Rando è la terza partita utile consecutiva.

La partita inizia con un Acr Messina subito arrembante: prima con un brutto colpo di testa, da ottima posizione, di De Meio su cross di Sampietro e poco dopo con un tiro, ribattuto dalla difesa, di Orlando. Al 18′ ci prova Crucitti su punizione: Russo non si fa sorprendere e respinge con un gran intervento. Al 25′ il Messina potrebbe passare in vantaggio, ma il colpo di testa di Orlando si stampa sulla traversa. Le due squadre giocano a ritmi altissimi, anche se nonostante le varie occasioni da gol, il risultato è sempre sullo 0 – 0.  Il primo tempo si chiude dopo un minuto di recupero, con un ottimo Messina cui è mancato solo il gol.

Inizia la ripresa con un’occasione per parte: prima una staffilata di Ott Vale che, complice una deviazione, termina di poco alto; poi spunto personale di Lavardera e botta imprecisa sul primo palo. Cresce il Marsala adesso e al 62′ serve un doppio clamoroso salvataggio sulla linea, prima di De Meio e poi di Ungaro, sulle conclusioni a botta sicura di Lauria e Padulano. Al 73’ occasione per il Marsala: Lauria penetra e calcia da posizione defilata, ma la sua conclusione attraversa tutto lo specchio della porta senza trovare la deviazione vincente di un compagno. In questa fase del match il Messina si trova in difficoltà, non riuscendo a ripartire. All’82’ Maiorano si divora lo 0-1 calciando sul palo interno dopo un’ottima azione personale al limite dell’area piccola. Poco dopo Crucitti pesca Esposito in area, Montuori devia la palla che si spegne sul legno a Russo battuto. Dopo 4’ minuti di recupero la gara termina sul risultato di 0 – 0.

Oggi il Messina non ha brillato. Nonostante il buon primo tempo giocato, infatti, nella ripresa ha sofferto oltremodo la pressione degli avversari.

Giovanni Irrera

(97)

Categorie

Primo piano, Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *