Al S.Filippo vincono i tifosi. 0-0 tra Messina e Catania

d59a4bc7-3af7-4715-a31a-bd8b7c2f3f99Grande spettacolo sugli spalti, poco in campo. Termine a reti inviolate l’atteso match tra Messina e Catania disputato questo pomeriggio al S.Filippo. Gara equilibrata con un primo tempo a tratti vivace  che vede le due squadre cercare con più insistenza la via del gol. Di Cocuzza e Fornito le conclusioni degne di nota, il Catania si rende pericoloso con Calderini. Tuttavia, entrambi i portieri non corrono particolari rischi. Nel secondo tempo ci si aspetterebbe un match più frizzante, ma al S.Filippo succede veramente poco.

Cronaca
Clima delle grandi occasioni al S.Filippo: sugli spalti 18.426 spettatori paganti. Prima del fischio d’inizio sentito omaggio a Tonino Currò, tifoso del Messina scomparso il 17 giugno del 2001 durante il derby con il Catania. Il patron Stracuzzi ha consegnato una targa ai parenti dello sfortunato ragazzo. Gli altoparlanti dello stadio hanno poi diffuso la Marsigliese in ricordo dei caduti di Parigi per i quali le due squadre hanno osservato un minuto di raccoglimento.
La curva sud regala uno splendido colpo d’occhio con una coreografia che ricorda le origini storiche della città fondata nel 157 a.C. con il nome di Zancle.

Al 5′ primo tentativo del Catania con un rasoterra di Russotto che non crea affanni a Berardi.  Sul capovolgimento di fronte risponde il Messina con un tiro di Cocuzza che Bastianoni riesce a neutralizzare. Al 7′ si ferma il gioco per un brutto infortunio allo stesso  Russotto vittima di una contusione alla spalla. Al suo posto entra Plasmati. Al 14′ pericolo il Catania con un bolide di Calderini che scalda i guanti di Berardi, sulla ribattuta  ci prova Plasmati, ma non inquadra. I ritmi si abbassano e lo spettacolo ne risente. Il Messina prova ad impostare facilitato anche dall’ atteggiamento degli ospiti che aspettano gli avversari nella propria metà campo per poi ripartire in contropiede. Al 39′ lampo del Messina con una conclusione di Parisi dai trenta metri, ci mette una pezza Bastianoni. Nel primo dei quattro  minuti di recupero ci prova Fornito con una botta centrale, l’estremo difensore avversario respinge.
E’ del Messina il primo tentativo del secondo tempo.  Padulano in appoggio per Cocuzza che prova la conclusione da fuori area, pallone in curva. Al 68′ deviazione acrobatica di Calil su cross dalla destra, Berardi controlla con lo sguardo  il pallone che va sul fondo.  Le due squadre si annullano a vicenda e e sembrano già proiettate verso lo 0-0. Il Catania spinge di più visti i primi affanni dei giallorossi, ma la coppia centrale Parisi – Martinelli regge bene. Ospiti ancora pericolosi al 75′ con un diagonale di Calderini che colpisce l’esterno della rete. L’ultima occasione per il Messina è nell’ultimo dei cinque minuti di recupero con una punizione di Parisi da oltre trenta metri. Il suo tiro si stampa sulla barriera.

Il tabellino
Messina – Catania 0-0
Messina: Berardi, Palumbo, De Vito, Baccolo (59′ Zanini), Martinelli, Parisi, Fornito, Giorgione, Cocuzza, Barraco (89′ Genny Russo), Padulano (68′ Salvemini). Allenatore: Arturo Di Napoli.
Catania: Bastianoni, Parisi, Nunzella, Musacci (52′ Giuseppe Russo), Pelagatti, Bergamelli, Calderini, Agazzi, Calil, Scarsella, Russotto (10′ Plasmati e dal 81′ Rossetti). Allenatore : Giuseppe Pancaro.
Arbitro : Carlo Amoroso di Paola. Assistenti : Paolo Bernabei di Tivoli, Alfonso Annunziata di Torre Annunziata.
Ammoniti : Calil (C), Parisi (M) , Pelagatti (C) , Genny Russo (M), Agazzi(C)
Recupero : 4’pt, 5’st.

(189)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *