Acr Messina, Maccarrone scalda i motori: “Noi ci giochiamo tanto, il Melfi si gioca tutto”

maccarroneMessina-Melfi è una di quelle partite dove in palio c’è tanto, dove i 3 punti possono fare la differenza nella corsa verso la salvezza. In questo girone di ritorno, il Messina ha fatto del “Franco Scoglio” un autentico fortino, un vero e proprio talismano su cui fare affidamento nell’arco di questa stagione davvero tormentata.

Contro i lucani, i giallorossi possono mettere il cappello sopra la permanenza in Lega Pro, ma non sarà facile perchè i gialloverdi si giocano tutto e questo Giordano Maccarone lo sa: “Sabato ci giochiamo tanto, la loro verranno qui giocarsi tutto. Se affronteremo questa gara con la giusta fame raggiungeremo un obiettivo che è quello della salvezza, c’è da fare un ultimo sforzo e stare sul pezzo. Sono ultimi in classifica ma non vuol dire nulla, non hanno altro risultato diverso dalla vittoria. Dopo quello che abbiamo passato quest’anno dobbiamo salvarci, sarebbe da stupidi sottovalutare il Melfi. Questa squadra con qualche innesto a gennaio poteva fare qualcosa di buono e ce la saremmo giocata con tutti e non solo per la salvezza. Ciò che abbiamo passato si sa, ma nonostante tutto siamo stati bravi a stare sul pezzo nonostante l’assenza gli stipendi, acqua o del campo per allenarci. Non è stato facile ma se raggiungeremo questa salvezza varrà tantissimo”.

I peloritani vengono da tre risultati utili consecutivi, ma contro Akragas e Fondi hanno avuto qualche difficoltà. In modo particolare nella gara contro i laziali, il Messina non ha sfruttato gli 80 minuti giocati in superiorità numerica: “Abbiamo sofferto le tre partite in una settimana, ora ci sono pure i primi caldi e non è stato facile. Se vedi che non puoi vincere e importante non perdere. Ad Andria è arrivata la svolta, l’Akragas ha messo il pullman davanti la porta e hanno trovato un gol a freddo e siamo stati bravi noi a pareggiare. A Fondi abbiamo iniziato male, ci siamo ritrovati in superiorità numerica e siamo stati attenti, non era facile perchè loro sono forti lì davanti. E’ stato un buon punto e me lo tengo stretto”.

Maccarrone rivolge un pensiero al recente passato, a tutte le difficoltà vissute in questa stagione tormentata che ha rafforzato un gruppo formato da tanti leader: “Qui ci sono quindici leader, non c’è differenza tra giovani ed esperti e non è facile. Poi quando arrivano i punti, inizi a fare meglio fuoricasa ti esprimi con più serenità, in passato non siamo neanche stati bene fisicamente. Negli anni i messinesi si dovranno ricordare di questa squadra, qui ci sono tanti leader e tanti attributi”.

(55)

Categorie

Primo piano, Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *