Prelievo di organi al Policlinico. Cresce la cultura della donazione

policlinico messina Due donazioni in due giorni. Sono stati prelevati a distanza di 24 ore al policlinico “G. Martino” gli organi di due pazienti, un uomo e una donna di 63 e 74 anni, deceduti per emorragia cerebrale a causa di un aneurisma. Nel primo caso reni, fegato e cornee sono andati al policlinico di Catania, alla banca degli occhi di Palermo e al Gemelli di Roma. Rimasti in Sicilia invece il fegato e i reni della donna di 74 anni, trapiantanti rispettivamente all’Ismett di Palermo e al Policlinico di Catania.

A coordinare le attività di prelievo in queste occasioni sono stati – insieme alle équipe dei diversi ospedali – il dott. Francesco Puliatti e la dott. ssa Olivia Penna, dell’UOC Anestesia e Rianimazione diretta dal prof. Antonio David.

“Solidarietà e sensibilità – si legge in un comunicato dell’AOU – sono ancora una volta le parole chiave che animano queste storie e che mostrano una attenzione crescente verso tale tema. Cultura, quella della donazione, che può essere alimentata solo con opere concrete e su cui c’è ancora molto da programmare. Ed è proprio in questa direzione che il coordinamento locale dell’AOU – attivo in azienda dal 2006 – sta orientando le sue attività. Il 2012 si è chiuso con un bilancio positivo e un primato a livello regionale come numero di accertamenti e donazioni” .Tanti i progetti in cantiere sia sul piano “formativo” che “informativo”. www.donazioneorganimessina.it . è il sito da visitare per saperne di più, inoltre al padiglione NI, al IV piano, c’è uno sportello aperto al pubblico tutta la settimana (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18) per avere chiarimenti e dove si può firmare la dichiarazione di volontà.

(39)

Categorie

Sociale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *