Messina: il Comune realizza un centro di supporto alla comunità di migranti

Immagine di repertorio - Integrazione, accoglienza, migrantiMessina. Sarà attivo da luglio, a seguito del compimento del progetto di ristrutturazione dell’edificio comunale di via F.Bisazza, il Centro Polifunzionale “I’m – Io sono”, a disposizione dei migranti della città dello Stretto.

Il Centro esprime il desiderio che i migranti possano, in libertà, affermare la loro identità e sentirsi riconosciuti nel loro valore profondo.

Al suo interno, al momento, sono offerte, con prossima estensione anche ad altre realtà associative, attività a cura della cooperativa sociale Medishospes e della Comunità di Sant’Egidio. Le associazioni sono aggiudicatarie del primo avviso di manifestazione di interesse, entrambe con esperienza nel settore sociale impegnato con i migranti.

In quest’ambito, la Comunità di Sant’Egidio ha potuto estendere la propria offerta di servizio “scuola della pace”, consentendo a un maggior numero di bambini stranieri, a rischio di abbandono scolastico, di poter avere un sostegno nei compiti.

La Cooperativa Sociale Medihospes inoltre ha potuto attivare uno “Sportello Multiservizi” dove professionisti esperti, con il loro supporto psicologico, sociale e legale, orientano e facilitano gli stranieri nell’accesso ai servizi del territorio, nella comprensione della lingua e della cultura locale, del lavoro, dell’abitare e nella mediazione dei conflitti.

Sia l’attività di alfabetizzazione che quella dello “Sportello Multservizi” rispettano una programmazione settimanale, descritta nelle locandine, avviata in forma sperimentale.

«La scelta dell’avviso pubblico – ha affermato l’assessore alle Politiche sociali, Nina Santisi – seguita dall’attività di co-progettazione, intende aprire processi partecipativi e far emergere le risorse ideative e professionali che desiderano mettersi in gioco, innalzare il livello di qualità dell’offerta su modelli innovativi. A breve il Centro incrementerà le attività laboratoriali e di socializzazione, a cura di altri soggetti del terzo settore e rinforzerà l’assistenza legale con la collaborazione del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati».

(283)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *