Apre il Centro polifunzionale per migranti “I’m”. Nina Santisi: “un nuovo punto di aggregazione per il territorio”

centro-polifunzionaleÈ prevista per domani, martedì 11 luglio, alle ore 18.00 l’inaugurazione del Centro polifunzionale “I’m”: un nuovo luogo finalizzato ad ospitare attività sociali, comunitarie, ricreative, formative, artistico-culturali, unitamente a tutti gli interventi di accoglienza, integrazione, supporto, orientamento socio-economico dei migranti e dei cittadini stranieri residenti.

La creazione di questo centro polifunzionale nasce dall’intercettazione di  un finanziamento nell’ambito del PON “Sicurezza per lo Sviluppo” 2017-2013, destinato alla realizzazione di un luogo polifunzionale che avesse lo scopo di agevolare l’inserimento sociale e lavorativo degli immigrati

Il finanziamento è stato utilizzato per dare nuova vita ad un immobile ubicato al n.60 di via Felice Bisazza, luogo che domani sarà aperto al pubblico per presentare questa iniziativa di valore dell’Amministrazione alla cittadinanza.

“Il centro – ha dichiarato il sindaco Accorinti – si caratterizza come spazio fruibile dal territorio, dove si incontrano culture e generazioni diverse, distinguendosi come presidio di comunità. Questa iniziativa è la sintesi del nostro percorso, poiché l’Amministrazione comunale mette l’uomo al centro della sua attività senza alcuna distinzione di razza, sesso ed età”.

L’Amministrazione, coerentemente con il progetto presentato, coordinerà e favorirà la collaborazione di associazioni, organizzazioni di volontariato e altri soggetti senza scopo di lucro iscritti negli appositi registri regionali per assicurare la piena funzionalità del Centro polifunzionale.

Il Centro, infatti, prevede al suo interno l’offerta di servizi amministrativi; spazi rivolti all’istruzione (insegnamento della lingua italiana, educazione civica e alfabetizzazione digitale), all’orientamento e alla formazione; servizi di avvio al lavoro (bilancio di competenze, orientamento e consulenza personalizzata e accesso alle misure di politica attiva del lavoro); servizi di accoglienza, di mediazione linguistico-culturale, di assistenza socio-psicologica e di segretariato sociale.

“Prima dell’inaugurazione – ha aggiunto l’assessore alle Politiche Sociali Nina Santisi – si è tenuto un laboratorio di arti visive con i ragazzi dei centri di prima e seconda accoglienza, e con gli ospiti dei centri SPRAR sotto la guida di Saverio Pugliatti e Mariella Bellantone, i cui manufatti abbelliranno il Centro. Un ringraziamento agli operatori comunali e alla società civile, dalla cui collaborazione si rende possibile l’accoglienza inclusiva che questa Amministrazione comunale promuove”.

Dopo il taglio del nastro da parte del prefetto di Messina, Francesca Ferrandino, seguirà una grande festa multietnica, col coinvolgimento del coro Migrantes, con la comunità filippina e srilankese, gli ospiti dei centri SPRAR e delle comunità di accoglienza per minori stranieri non accompagnati. Previsto anche un aperitivo offerto dalla scuola Antonello.

Il presidente della IV Circoscrizione, Francesco Palano Quero, presente alla conferenza stampa, ha colto l’occasione per sottolineare la “collaborazione tra Amministrazione e Circoscrizione affinché il Centro diventi un nuovo punto di riferimento per l’integrazione”.

Il dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità per consentire lo svolgimento della cerimonia inaugurale della struttura di via Felice Bisazza, come richiesto dall’assessorato alle Politiche Sociali, ha disposto limitazioni viarie. Pertanto, domani, martedì 11, dalle ore 14.30 alle 22, saranno vietati la sosta ed il transito veicolare nelle vie, Cocco e Felice Bisazza, nel tratto compreso tra via Malpighi e piazza XX Settembre; e lungo la rotatoria di piazza XX Settembre.

(145)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *