E’ un Messina con un cuore grande così: Juve Stabia ko

acr messina logoUn Messina tutto cuore e volontà, supera la Juve Stabia al “Franco Scoglio” ottenendo una vittoria di grande significato. A decidere il match ci pensa il gol stagionale di Nardini al 28′, al termine di novanta minuti segnati da un campo ai limiti della regolarità ma soprattutto dalla costante contestazione che i mille della curva sud hanno riservato al presidente Natale Stracuzzi.

Lucarelli opta per il 4-3-1-2, dove la coppia di centrali di difesa è formata da Bruno e Rea e i terzini sono De Vito e Palumbo. Musacci confermato regista, chance per Capua e Grifoni che agisce sempre come centrale di centrocampo. A Mancini le chiavi della della trequarti a supporto di Madonia e Pozzebon, ormai promesso sposo del Catania.

Il primo brivido arriva dopo 20 secondi, Pozzebon allarga per Capua sulla destra che calcia lentamente in diagonale, ma il tiro del centrocampista campano per poco non si trasforma in un assist per l’accorrente Madonia. La gara è subito condizionata dalle condizioni in cui versa il rettangolo di gioco, la forte pioggia che si è abbattuta nel prepartita ha ulteriormente appesantito il terreno di gioco riducendolo ad una vera e propria latrina.

Al 15′ si fanno vedere gli ospiti con un destro dell’ex Izzillo dalla lunga distanza, ma Berardi è attento. Al minuto 23, da una curva sud silente, si alza forte e chiaro il coro “Stracuzzi te ne devi andare” all’indirizzo del numero uno giallorosso, che nel bel mezzo della gara, attraverso un comunicato stampa ufficiale, ha fatto sapere che la prossima settimana dovrebbe andare a buon fine la trattativa con la cordata calabrese interessata a rilevare la società. Al 25′ Mastalli ci prova dai venti metri ma Berardi si distende e mette in corner.

Un minuto dopo Capua deve abbandonare il campo in barella, al suo posto dentro Nardini. Due minuti e l’ex Modena la gara, raccogliendo dal limite un batti e ribatti in area dopo un angolo, il tiro del centrocampista giallorosso è perfetto e si va ad insaccare alla destra di Russo. I campani si sbilanciano ed il Messina prova a pungere in contropiede come al 31′, con Madonia che cerca l’uno contro uno con Camigliano e spara in bocca a Russo che blocca in due tempi.

Al terzo minuto di recupero allontanato Lucarelli per proteste. Si torna negli spogliatoi con il Messina avanti 1-0, grazie ad un primo tempo tutto cuore contro una Juve Stabia leziosa e presuntuosa.

La ripresa inizia subito con la Juve Stabia che spinge sull’acceleratore alla caccia del pareggio. Gli ospiti si fanno vedere dalle parti di Berardi al 54′ con un colpo di testa di Cutolo dopo un traversone dalla destra, ma l’estremo peloritano blocca a terra. Da un punto di vista tattico la partita già a metà ripresa perde ogni logica, le squadre sono spezzate in due, la Juve Stabia attacca a testa bassa mentre la squadra di Lucarelli si difende con ordine e grinta.

Al 69′ Cutolo tenta una bella conclusione al volo cercando di sfruttare un lancio dalle retrovie, ma la sfera termina alta sopra la traversa.

All’85’ la più grande occasione della ripresa è per gli ospiti, dopo una spizzata di testa Cutolo da posizione defilata calcia a botta sicura addosso a Berardi. Al termine dei 5 minuti di recupero il “Franco Scoglio” può esplodere, battere una big del campionato dopo una settimana di chicchiere sul futuro societario e con una squadra che ogni giorno doveva conoscere il campo di allenamento, il Messina caccia fuori l’orgoglio ottenendo la vittoria più bella del campionato.

Il tabellino.

Messina-Juve Stabia 1-0

Messina (4-3-1-2): Berardi; Palumbo, Rea, Bruno, De Vito; Capua (25’ pt Nardini), Musacci, Grifoni; Mancini (34′ st Saitta); Pozzebon, Madonia (24’ st Akrapovic).

A disp. Russo, Mileto, Ricozzi, Bossa, Benfatta, Maniscalchi, Gaetano, Ferri.

Allenatore. Cristiano Lucarelli.

Juve Stabia (4-3-3): Russo; Cancellotti, Santacroce, Camigliano (18’ st Marotta), Morero; Izzillo, Capodaglio, Mastalli (1’ st Rosafio); Cutolo, Paponi, Lisi (31′ st Ripa).

A disp. Bacci, Matute, Liotti, Salvi, Esposito.

Allenatore. Gaetano Fontana.

Arbitro: Lorenzo Maggioni di Lecco.

Assistenti: Michele Lombardi di Brescia e Gamal Mokthar di Lecco.

Marcatori: 28’ pt Nardini (M)

Ammoniti: 36’ pt Rea (M), 41’ pt Mastalli (J), 10’ st Cancellotti (J). Note – Angoli: 8-2 per la Juve Stabia. Recupero: pt 4′, st

(140)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *