Taormina. Eseguito intervento innovativo per la prevenzione dell’ictus al San Vincenzo

Equipe della divisione Cardiologia dell'ospedale san vincenzo di taormina che ha effettuato un intervento innovativo in materia di prevenzione dell'ictusL’Ospedale San Vincenzo di Taormina taglia un nuovo traguardo in materia di prevenzione dell’ictus, grazie al lavoro svolto dall’equipe diretta dal dottor L. Vasquez, primario della Divisione di Cardiologia.

Si tratta di un intervento realizzato per via percutanea (dalla vena femorale) grazie a tecniche innovative, il cui utilizzo è finalizzato alla prevenzione dell’ictus in pazienti con fibrillazione atriale. Le nuove tecnologie applicate al San Vincenzo hanno permesso di procedere all’occlusione dell’auricola sinistra, una cavità che fa parte dell’atrio sinistro, tramite una sorta di “ombrellino”. Tale intervento serve a evitare che al suo interno si formino trombi, responsabili del 90% dei casi di ictus.

«Si tratta di una ulteriore prestazione specialistica offerta ai pazienti dalla nostra cardiologia – precisa il dottor Vasquez. Questo tipo di intervento è rivolto ai pazienti con fibrillazione atriale che presentano controindicazioni all’anticoagulante e sono a più alto rischio di sanguinamento e ictus».

L’equipe che ha effettuato l’intervento è stata composta dal dottor Giuseppe Cinnirella, responsabile di Emodinamica; dal dottor Gianfranco Capilli, emodinamista; dal dottor Alessandro Di Giorgio, emodinamista; e dal dottor Giuseppe Ronsivalle, ecocardiografista. Il team si è avvalso, inoltre, della collaborazione degli anestesisti della Cardiochirurgia Pediatria (CCPM), diretta dal dottor Simone Reali, dello stand by cardiochirurgico del dottor Sasha Agati, primario cardiochirurgo e del “proctoraggio” offerto dal dottor Carmelo Grasso dell’Università degli Studi di Catania.

(422)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *