Multe per chi prenota le visite ma non si presenta. L’avviso del Policlinico di Messina

Foto dell'ospedale Policlinico di MessinaIl Policlinico di Messina parla chiaro: chi prenota una visita senza poi presentarsi verrà multato. Un provvedimento che ha un duplice obiettivo: da un lato incentivare l’utenza ad una prudente fruizione dei servizi sanitari, dall’altro evitare sprechi di risorse pubbliche. L’azienda sottolinea, inoltre, l’importanza di disdire una prenotazione nei tempi e nei modi previsti. In caso contrario, l’importo della penale sarà pari al ticket previsto per la prestazione specialistica non eseguita.

«Una prenotazione non disdetta – scrive l’azienda ospedaliera – diventa un posto occupato immotivatamente e provoca all’azienda, al Sistema Sanitario Regionale ma soprattutto alla Collettività un danno economico nonché un ritardo nella tutela della salute pubblica. Il danno al Sistema e alla Collettività è di particolare rilevanza: non consente difatti di riassegnare la prenotazione ad un’altra persona, che ne avrebbe potuto usufruire, allungando di conseguenza le liste d’attesa, e blocca l’utilizzo di risorse umane e attrezzature specialistiche senza motivo».

Nella nota il Policlinico di Messina informa inoltre che nei prossimi giorni, verranno spedite delle lettere con le quali vengono comminate le sanzioni a tutti quei pazienti che non hanno disdetto la prenotazione e non si sono presentati per ricevere la prestazione prenotata nell’anno 2018, specificando che la multa scatta anche per chi è esente, come previsto dalle disposizioni normative di riferimento.

In ogni lettera inviata saranno indicati il codice della prenotazione, con la data dell’appuntamento mancato, l’entità della sanzione, le modalità di pagamento e i recapiti per presentare eventuali memorie difensive.

E’ possibile giustificare la mancata disdetta in caso di: ricovero in una struttura sanitaria o altro motivo di salute, accesso al pronto soccorso, restrizione della libertà personale, decesso; grave impedimento (lutto familiare, incidente stradale, cause di forza maggiore).

(982)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *