Movimento 5 Stelle contro la mafia al convegno: “Un voto libero ci libererà”

Foto del convegno del Movimento 5 stelle contro la mafiaElezioni Regionali. Domenica mattina, nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca si è svolto il convegno “Mafia a Messina: un voto libero ci libererà“, organizzato dal candidato all’Ars (Assemblea Regionale Siciliana) per il Movimento 5 Stelle (M5S) Antonio De Luca.
Partendo dalla presentazione del libro “Il fenomeno mafioso. Il caso Messina” di Marcello La Rosa, si è ripercorsa insieme all’autore la storia della mafia a Messina, dalle battaglie per il comando sul territorio degli anni ’70 ai primi contatti con la politica degli anni ’80, che hanno contribuito materialmente a creare quella rete socio-politica che rappresenta il vero cancro della città. Sempre La Rosa ha fatto ascoltare gli audio di un’intervista al boss Sebastiano “Iano” Ferrara che racconta come è nato, ed è stato negli anni ben oliato, un meccanismo perverso che lega insieme mafia, politica e giustizia.
Oltre al candidato Antonio De Luca era presente Giulia Sarti, portavoce M5S e membro della Commissione Nazionale Antimafia, che ha riferito ad una sala gremita e attenta, come lo Stato affronta la mafia e quanto lunga sia ancora la strada verso la risoluzione del problema.
A seguire l’intervento di Laura Ferrara portavoce del Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo e membro della commissione Libertà Civili, Giustizia e Affari Interni, che ha raccontato come l’Europa percepisce il fenomeno mafioso e come spesso non riesca nemmeno riconoscerne i contorni.

Ha concluso l’evento Francesco D’Uva, parlamentare M5S messinese, il cui nonno,  l’avvocato Nino D’Uva, fu ucciso su ordine del boss Gaetano Costa nel 1986.

(88)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *