Via Scite: le proposte di residenti e Vento dello Stretto per la raccolta rifiuti

vento dello stretto associazioneQuesta mattina nella sala Ovale del Comune di Messina, il network di associazioni “Vento dello Stretto” insieme ad alcuni residenti della via Scite (Emilio Miceli e Liliana Parisi), ha affrontato le problematiche riguardanti la via, dichiarata privata, ma che da 40 anni rappresenta un’arteria importante della viabilità cittadina, garantendo un collegamento alternativo tra la viale Italia e via Pietro Castelli. I residenti hanno ribadito come la quasi totalità degli abitanti della zona non intende procedere con la chiusura della strada tramite cancelli, ma al contrario, vorrebbe accelerare l’iter per la municipalizzazione della stessa.

Vento dello Stretto, tramite il suo Presidente Ferdinando Croce, e Daniele Travisano (Consigliere della IV Circoscrizione) ha inteso portare avanti le richieste dei residenti che, tra le altre cose, a causa sempre della natura giuridica della strada, si sono visti sottratto il servizio di pubblica raccolta da ormai 4 mesi. La brusca interruzione del servizio ha causato notevole disagi alle circa duecento famiglie,

E’ stata a tal proposito presentata una proposta -supportata da oltre 150 firme di residenti- di accordo tra il supercondominio e Messinambiente utile a ripristinare il servizio di raccolta rifiuti nella zona attraverso un meccanismo virtuoso e sinergico caratterizzato dalla collocazione di appositi contenitori per la differenziata dinanzi i rispettivi condomini. L’accordo scritto infatti, darebbe la possibilità a Messinambiente di poter accedere nella via nonostante la stessa sia privata. La proposta, ad avviso dei rappresentanti del movimento, rappresenta anche uno stimolo per altre zone residenziali della città dove non viene più espletato il tradizionale servizio di raccolta.

 

 

(106)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *