Dopo venti giorni il telefono in alcune scuole cittadine è ancora muto

1448480_20151227_13673715Dallo scorso 6 ottobre alcune scuole cittadine sono impossibilitate ad utilizzare il telefono fisso. La Telecom, infatti, ha provveduto a disattivare la linea a causa di un debito di 1 milione e 500mila euro che Palazzo Zanca non ha ancora onorato. Una situazione paradossale che sta già creando notevole disagio ai dipendenti, impossibilitati a comunicare con l’esterno. Si pensi ad esempio alle segreterie didattiche che in questi giorni stanno tamponando utilizzando i cellulari personali degli impiegati per le chiamate più urgenti.

Due settimane fa il dirigente del Dipartimento Provveditorato – Economato, Riccardo Pagano, aveva pronosticato tempi brevi per risolvere il problema, ma finora nulla è stato fatto. A quanto pare i soldi ci sarebbero, ma un cortocircuito tra lo stesso Dipartimento e la Telecom non avrebbe permesso di coprire i debiti pregressi. “Sono in attesa di ricevere dagli uffici competenti – spiega Pagano – di ricevere dati sulle linee dismesse per poi inoltrare la richiesta a Telecom”.

E’ dunque impossibile comprendere quando il Comune potrà risolvere la questione, intanto il personale scolastico continua a fare i conti con un disservizio. Intanto, c’è il rischio che i tagli vengano estesi anche agli uffici comunali, esclusi quelli dediti alla Protezione Civile.

Andrea Castorina

 

 

 

(85)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *