Tagli fondi sanità, oggi incontro a Palazzo Zanca. Cgil: “Troppe assenze”

sciopero mediciSi è svolto stamane, nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, l’incontro sul tema: “Il sistema sanitario di finanziamento per tetti di spesa – voce costo del personale sanitario”. L’appuntamento è stato dedicato all’analisi del contesto e degli effetti futuri determinati dalla decurtazione di 12 milioni di euro dai tetti di spesa previsti per la Provincia di Messina, per la massa finanziaria relativa ai costi del personale operante nella Aziende Sanitarie, stabilita dal Decreto Assessoriale n. 1380 del 5 agosto scorso. All’evento hanno partecipato tra gli altri il sindaco, Renato Accorinti, gli onorevoli Giuseppe Laccoto e Filippo Panarello, i sindaci ed i rappresentanti dei comuni di Casalvecchio Siculo, Castelmola, Castroreale, Giardini-Naxos, Lipari, Mirto, Monforte San Giorgio, Naso, Roccalumera e Saponara, i direttori delle Aziende Sanitarie, l’I.R.C.C.S. Neurolesi, le organizzazioni sindacali ed i comitati consultivi aziendali dell’ASP., del Policlinico e del Papardo-Piemonte. L’incontro segue la riunione della Conferenza dei Sindaci della Provincia, tenutasi lo scorso 28 settembre a Palazzo Zanca, che ha già espresso parere sfavorevole al documento di pianificazione strategica sanitaria.

Per Cgil Messina è grave che nella riunione odierna a Palazzo Zanca sul taglio delle risorse sanitarie si siano registrate molte assenze: mancava la stragrande maggioranza dei sindaci, presenti solo i manager del Papardo e dell’Irccs e i deputati Panarello e Laccoto. “Con rammarico – dichiara Oceano – dobbiamo registrare la troppa distrazione della politica e degli amministratori sul sistema sanitario del nostro territorio”.

A rischio il diritto alla salute dei messinesi”, denuncia ancora la Cgil di Messina che contesta fortemente la riduzione delle somme per la spesa del personale alle Aziende sanitarie del territorio. 

“Queste decisioni taglieranno oltre il sopportabile l’offerta sanitaria nella nostra provincia, non garantiranno una tutela della salute adeguata ai cittadini e metteranno a rischio i livelli occupazionali”, ribadisce il segretario generale della Camera del Lavoro, Lillo Oceano che sottolinea l’importanza delle azioni da mettere in campo a livello politico ed amministrativo per recuperare le risorse sottratte dal decisore regionale, pretendendo una programmazione sanitaria adeguata ad assicurare ai messinesi un’offerta sanitaria capace di garantire la tutela della salute allo stesso livello degli altri territori.

Appare evidente – fa presente Oceano come ancora una volta è stato effettuato un mero calcolo ragionieristico senza tenere in alcun conto dei dati epidemiologici e demografici. Per la Cgil appaiono incomprensibili i criteri che hanno determinato la scelta operata dalla Regione, soprattutto se si pensa che altre realtà sanitarie della regione, non certamente di eccellenza, sono state invece fortemente premiate.

Cgil Messina mette in evidenza gli effetti dei tagli in un contesto che vede l’assoluta mancanza di potenziamento della medicina sul territorio e l’inevitabile intasamento dei pronti soccorso.  Il taglio sulla spesa per il personale pari a 10.741.000 euro necessariamente – si fa presente – andrà pesantemente a colpire le aspettative di assunzione a tempo indeterminato dei vincitori di concorso e dei precari ma inevitabilmente  avrà delle pesanti ricadute sul piano dell’offerta di salute al territorio: senza le risorse sufficienti infatti verrà a mancare il personale necessario a soddisfare le esigenze complessive della sanità per la popolazione.

Occorre ristabilire immediatamente per le aziende penalizzate integralmente il tetto di spesa dell’anno 2011, questa la richiesta che la Camera del Lavoro porta sui tavoli regionali.

 

(119)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *