I palombari fanno brillare un ordigno bellico sommerso da oltre 75 anni

Ordigno-bellico-2Gli uomini del Gruppo operativo subacquei del Nucleo sminamento difesa antimezzi insidiosi di Augusta, dislocati presso la base del Comando Marittimo Sicilia, sono stati attivati dalla prefettura messinese a seguito di una segnalazione da parte di un subacqueo che ha riferito di un ordigno esplosivo adagiato a 20 metri di profondita’ sul lato sud dello Scoglio di Patti.
Si tratta di una bomba d’aereo americana da 500 libbre. Il residuato bellico, ripulito delle incrostazioni calcaree, appariva ben conservato nonostante giacesse sul fondale marino da circa 75 anni, quando fu lanciato da un bombardiere americano durante la Seconda Guerra mondiale.
L’ordigno è stato rimorchiato in una zona a circa tre miglia dalla costa, con un fondale di circa 300 metri, e poi fatto brillare con l’applicazione di una contro-carica. Le operazioni di scorta e vigilanza sono state assicurate dal personale della Capitaneria di Porto.

(107)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *