Fondi Ecopass, il Comune non sa quanto ha incassato. Gioveni: “Superficialità e pressapochismo”

ecopass“Chiedere lumi all’amministrazione in Commissione sulla gestione e sull’ammontare complessivo dell’ecopass e non avere da essa risposte immediate, rasenta superficialità e pressapochismo rispetto all’unica fonte certa e preziosa per la città su cui occorre investire.” Non usa giri di parole il consigliere comunale Libero Gioveni  che da sempre ritiene l’istituzione della tassa di attraversamento un legittimo e prezioso risarcimento alla città per le decennali violenze infrastrutturali e ambientali subite, non nasconde il proprio stupore nel constatare l’inconsapevolezza sull’argomento da parte di chi invece dovrebbe avere sempre contezza reale e aggiornata dei proventi.

“E’ accaduto in Commissione lavori pubblici – spiega Gioveni – dove l’assessore De Cola, accompagnato dal funzionario del Dipartimento manutenzione strade  Costanzo, non ha saputo fornire al sottoscritto e all’intero organo consiliare dei precisi ragguagli sull’attuale ammontare degli incassi. In tutti questi anni – prosegue il consigliere – tranne in una sporadica occasione in cui venne fatta una sorta di rendicontazione iniziale da parte di questa Amministrazione, non si è mai proceduto ad una vera e soprattutto costante operazione verità sui fondi ecopass, e non soltanto sulle cifre, ma anche sulle scelte politiche relative alla loro effettiva destinazione e alla loro complessiva gestione”.

“Personalmente, per esempio, – rimarca l’esponente Udc – non ho mai condiviso il fatto che in passato i fondi ecopass siano stati impiegati per eseguire semplici interventi di manutenzione ordinaria con ricolmatura buche a macchia di leopardo. L’ecopass è nato per essere destinato soprattutto nella manutenzione straordinaria di quelle arterie soggette al transito dei tir, e ancora ve ne sono alcune non adeguatamente attenzionate (vedi la via Gerobino Pilli a Camaro S. Paolo, soggetta giornalmente al transito di mezzi pesanti di una ditta che ha la propria sede a Messina Due, a riprova della scarsa attenzione di questa giunta nei confronti dei villaggi)”.

Infine, nell’ottica di una rivisitazione della delibera che istituì la tassa – rimarca Gioveni – sarebbero da valutare anche le ipotesi di: commisurare l’eccedenza di una soglia di peso massimo dei tir (da verificare con un bilico da predisporre agli sbarchi) con una “soprattassa”, compensando così le sollecitazioni che i “bisonti della strada” continuano a determinare sui nostri torrenti coperti (viale Europa e viale Boccetta in primis). Gioveni chiede anche di abbassare l’attuale percentuale del 35% degli incassi spettante al Comune di Villa San Giovanni, proprio perché oggettivamente questa quota appare eccessiva rispetto ai tanti disagi subiti dai messinesi.

 

 

 

(99)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *