“Ettore Castronovo”, gli alunni della materna saranno ospitati in parrocchia

immagineLa scorsa settimana le nove classi di scuola media dell’Istituto “Ettore Castronovo” di Bordonaro, chiuso su disposizione dell’Ufficio Territoriale del Lavoro per criticità strutturali, sono state trasferite alla “Albino Luciani” di Fondo Fucile, distante pochi chilometri. Stamane, invece, si è trovata la soluzione anche per le due classi della scuola materna che provvisoriamente verranno trasferiti nei locali della parrocchia Madonna delle Lacrime del rione S.Annibale (ex Case Gialle). E’ quanto emerso dall’incontro di stamane tra la preside dell’Istituto Albino Luciani, Grazia Patanè, il presidente del Consiglio comunale Emilia Barrile e i consiglieri Carlo Abbate e Claudio Cardile che, insieme a Libero Gioveni, avevano seguito fin dall’inizio la vicenda.

Grazie alla disponibilità del parroco Orazio Anastasi, alcuni locali della canonica,  precedentemente utilizzati per il catechismo,  saranno trasformati in aule per ospitare gli alunni. E’ una situazione comunque temporanea finalizzata a limitare i disagi di decine di famiglie, in attesa che inizino i lavori di messa in sicurezza alla “Ettore Castronovo”. “Nei prossimi giorni – spiega Cardile – bisognerà spostare gli arredi nei nuovi locali messi a disposizione dalla parrocchia. Occorre però trovare urgentemente nuove risorse dal bilancio per garantire i lavori alla ‘Castronovo’, fondi da aggiungere ai 180mila euro già rintracciati per la sistemazione di alcune travi pericolose. Bisogna intervenire al più presto anche per scongiurare eventuali danni alla struttura da parte dei vandali”.

“Non ci saremmo dovuti trovare in questa situazione – commenta Emilia Barrile -. Si è creato un ulteriore disagio ad un quartiere dove è purtroppo presente un’elevata dispersione scolastica. Si tratta di una zona caratterizzata da decine di baracche e abitazioni popolari, i bambini non possono essere privati di strutture fondamentali come scuole e asili”.

Andrea Castorina

 

(313)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *