Discariche abusive, Gioveni: “Si utilizzino lavoratori Ato 3 come Guardie Ambientali”

Libero Gioveni1Da settimane Messina “regala” l’indecente spettacolo dell’immondizia accatastata sui marciapiedi. Un problema ormai cronico per la città, chiamata a fronteggiare continue emergenze nel settore rifiuti. Una piaga alimentata dai soliti incivili che abbandonano i sacchetti dappertutto, lanciandoli talvolta dall’auto in corsa. Il consigliere comunale Libero Gioveni torna a chiedere maggiore vigilanza e repressione contro chi non rispetta le regole, ribadisce la necessità di aumentare le risorse umane della sezione Decoro della Polizia Municipale,  legittimata a sanzionare chi oltraggia il territorio o non rispetta le regole del vivere civile.

L’esponente Udc sottolinea come parte dell’attuale personale ATO 3, già da tempo in ausilio della sezione Decoro dei Vigili Urbani, si troverebbe  nelle condizioni di controllare il territorio e soprattutto di multare i trasgressori delle ordinanze in difesa dell’ambiente, al pari dei vigili urbani. “Si tratta di quel personale – precisa Gioveni –  che nella lontana gestione ATO 3 targata Lamacchia-Barresi di 8 anni fa era stato formato con un corso di GAV (Guardie Ambientali Volontarie) e che, proprio alla luce di questa mirata formazione, già codesta Amministrazione sta impiegando appunto a supporto della fin troppo decimata squadra Decoro, con risultati tra l’altro soddisfacenti perché in questo ultimo periodo lo stesso personale ha prodotto al Dipartimento centinaia di relazioni di servizio mirate al rispetto dell’ambiente”.

Gioveni sollecita, dunque, l’amministrazione comunale, Polizia Municipale e Ato 3  ad attivare tutte le procedure amministrative utili ad attribuire al personale ATO 3 già debitamente formato la qualifica ufficiale di GAV, al fine di costituire da subito un valido ausilio per gli agenti della squadra Decoro della Polizia Municipale.

 

 

 

 

 

 

 

 

(75)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *