Carenza Vigili Urbani, Barrile: “Si stabilizzi il personale in graduatoria”

vigili urbani di spalle per nuovoLa carenza di Vigili Urbani è un problema che Messina non riesce a risolvere i cui effetti si notato ogni giorni transitando nelle trafficate vie cittadine. Tra auto in doppia fila o parcheggiare sui marciapiedi, raggiungere il posto di lavoro o la propria abitazione diventa spesso un’impresa. In città permane una generale anarchia in parte dovuta all’assenza di agenti in grado di elevare contravvenzioni e prevenire comportamenti incivili.

La Polizia Municipale, secondo la dotazione organica prevista nel 2013 dal Commissario Luigi Croce, dovrebbe avere 566 unità, ma attualmente ne risultano in servizio soltanto 313. Numeri assolutamente insufficienti per una città estesa come Messina, quotidiana meta di sbarchi di migranti e attraversata dai mezzi pesanti quasi 365 giorni l’anno.

Sulla questione interviene il presidente del Consiglio comunale, Emilia Barrile, che suggerisce al sindaco Renato Accorinti di “predisporre una Deliberazione di Giunta da indirizzare alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con la quale chiedere l’avvio di procedimenti atti alla definizione di misure urgenti a favore della Città Metropolitana di Messina, per  la stabilizzazione del personale di Polizia Municipale attualmente in graduatoria”.

Barrile si riferisce ai 20 agenti vincitori di concorso, a cui si aggiungono 12 idonei, che hanno espletato il servizio per un anno solare, acquisendo professionalità nel settore. L’ingresso di nuove unità non risolverebbe definitivamente i problemi, ma garantirebbe una boccata d’ossigeno per la Polizia Municipale e per l’intera viabilità cittadina.

(123)

2 Comments

  • Marcella Millimaggi scrive:

    Sarebbe una boccata d’ossigeno soprattutto se i nuovi assunti non scoprissero poi di non essere adatti al servizio su strada e/o non finissero a svolgere altre mansioni in altri uffici in posizione di comando o che altro. in questo caso la boccata d’ossigeno l’avrebbe soltanto la loro tasca ma non i contribuenti.
    Mnemosine zanclea

  • Fiorenzo scrive:

    Ma non era un concorso per la durata di 1 anno? Come mai la Barrile solo adesso si sveglia dal torpore che l’ha contraddistinta in questi anni, e cerca una soluzione per gente che non può per legge svolgere questo lavoro? Sarà forse alla ricerca di voti?. C’è gente che aspetta un concorso vero da anni e sopratutto questi 32 non hanno esperienza ed il fatto di essere stati utilizzati per pochi mesi non dimostra nulla, poichè sono stati utilizzati solo a guardare le rotatorie ed essere al seguito di altri agenti che cercavano disperatamente di evitare il lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *