Acr Messina, Proto scrive ai tifosi: “Stiamo scalando la “cima Coppi” dei conti”

proto acr messinaFranco Proto rompe il silenzio. Il patron dell’Acr Messina torna a parlare dopo alcuni giorni di silenzio e lo fa attraverso una lettera aperta all’indirizzo dei tifosi. Lettera che pubblichiamo interamente:

Cari tifosi,
mi rivolgo a voi e a tutta la Città per confermarvi che, insieme allo staff societario, sto lavorando per risolvere le ulteriori problematiche recentemente emerse e per raggiungere il traguardo dell’iscrizione del Messina al prossimo campionato di Serie C. Ho scelto di prendere un paio di giorni di pausa, lontano dai riflettori mediatici, anche per ponderare meglio le prossime mosse. La sfida del risanamento dei conti è un’impresa di fronte alla quale non possiamo sbagliare alcunché e necessita anche di confronti, come quelli che si sono succeduti la scorsa settimana. La macchina societaria, tuttavia, non si è mai arrestata, tanto che a breve presenteremo la nuova campagna abbonamenti. Nel frattempo, ho ricevuto centinaia di messaggi di vicinanza e sostegno da parte del popolo giallorosso, che hanno dato ulteriore impulso alla nostra battaglia. Il faccia a faccia con i rappresentanti dei club è stato utile per raccogliere suggerimenti e verificare le loro aspettative. Per usare una metafora ciclistica, non abbiamo mai smesso di pedalare, ma ora riprendiamo a scattare verso la “Cima Coppi” rappresentata dall’iscrizione e dalla programmazione del prossimo torneo, con la certezza – adesso, ancora più di prima – di avere alle spalle una intera Città pronta a spingerci oltre tutte le difficoltà e le eventuali crisi, legate alla fatica. Un supporto, ne siamo certi, arriverà altresì da quegli sponsor che hanno a cuore le sorti della maglia biancoscudata e dalle Istituzioni, insieme alle quali stiamo lavorando per dare al Messina la possibilità di tornare al Celeste”: un tassello fondamentale nella nostra strategia di rilancio.
Senza indugi, quindi, riprendiamo ad “alzarci sui pedali” e a bruciare le tappe in vista delle prossime scadenze.

Franco Proto

(156)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *