“Vogliono ancora il Ponte sullo Stretto”. Le preoccupazioni di Sel

ponte strettoC’è un allegato che potrebbe riaprire il dossier “Ponte sullo Stretto”. E’ nei meandri del Def, il Documento di economia e finanza: 1.287.324.000 euro alla Società Stretto di Messina S. p. a. “Speriamo sia un grossolano errore”, dicono i deputati di Sel che hanno scoperto il fondo nelle tabelle di aggiornamento del Programma infrastrutture strategiche. Ma non ci credono molto, tanto da presentare un’interrogazione diretta al ministro alle Infrastrutture, Maurizio Lupi. “Va chiarito che il governo non voglia riaprire la questione”, dicono.

Per il capogruppo di Sel alla Camera, Arturo Scotto, questo finanziamento è il “segno di una continuità tra gli anni passati e la nouvelle vague di Renzi. Questo atto si iscrive dentro una scelta ben chiara che il governo ha fatto negli ultimi mesi di sostenere grandi opere e non la più grande opera di cui ha bisogno il nostro Paese: il riassetto idrogeologico”.

Secondo Sel, le avvisaglie c’erano già state e pure chiare. Nel testo dell’interrogazione, che sarà presentata nei prossimi giorni, i parlamentari hanno elencato in una pagina tutte le dichiarazioni pro ponte rilasciate da Lupi. “Il ministro si è ricordato di esser stato in Forza Italia” è la battuta di Scotto.

LE INCHIESTE Il ponte di carta

“E’ di una eccezionale gravità – si legge nel testo dell’interrogazione – considerato che l’Allegato Infrastrutture rappresenta il documento programmatico del governo per eccellenza in materia infrastrutturale e il sospetto che questa riassegnazione possa essere varata anche successivamente alla discussione della legge di stabilità 2015, considerate le esternazioni recentemente rese dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti in favore della realizzazione del ponte stesso”.

Realizzazione dell’opera che era stata sospesa dal governo di Mario Monti nel 2012. Il fondo di 1,3 miliardi era stato revocato, come si legge nelle carte del Cipe, e la costruzione del ponte sembrava essere arrivata a un punto morto. Ma è lo stesso amministratore delegato di Salini-Impregilo, capofila del consorzio Eurolink che si trova in contenzioso con lo Stato per il pagamento delle penali dopo il ‘no’, ad augurarsi che “il governo riapra il dossier sul Ponte di Messina”. A settembre, a margine dell’assemblea della società, aveva dichiarato: “Siamo disponibilissimi a rinunciare alla penale, se il progetto ripartisse”, sottolineando di non aver ricevuto alcuna richiesta dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, ma di averne parlato con lui poco tempo prima.

( da Repubblica)

(50)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *