Varata la riorganizzazione degli uffici comunali voluta da Le Donne. Definiti ma non ufficiali i nomi dei 19 dirigenti

Antonio Le Donne1Tra 48 ore sarà in vigore la riorganizzazione degli uffici comunali. Dopo l’ok della giunta municipale all’atto mancano ufficialmente, anche se sono già stati definiti, i nomi dei 19 dirigenti che si occuperanno dei dipartimenti, altri 3 saranno guidati direttamente dal sindaco. Come già annunciato dal segretario generale Antonio Le Donne è stata approvata dall’amministrazione la scala di competenze e delle funzioni dei dirigenti che scenderanno da 57 a 22, dovevano essere 25 secondo gli indirizzi dell’ex commissario Luigi Croce. Dei precedenti 57 dipartimenti dieci saranno assorbiti tra i compiti del segretario generale Le Donne che dal primo gennaio avrà anche funzioni di direttore generale dopo l’approvazione di una delibera ad hoc. L’organigramma è composto dal sindaco con l’Ufficio di Gabinetto attualmente retto da Giovanni Bruno. In funzione apicale il segretario generale e direttore generale Antonio Le Donne che sovrintenderà le tre aree: amministrativa, finanziaria e tecnica distribuita in diciassette dipartimenti oltre segreteria generale e Ufficio Gabinetto del sindaco. Il primo cittadino guiderà direttamente la Polizia municipale, l’Avvocatura e la Protezione civile e Difesa del suolo. Dell’Area amministrativa faranno parte i Servizi al Cittadino, il Demanio e Patrimonio, le Politiche per la Casa, le Politiche Sociali, i Servizi alle Imprese. I quattro dipartimenti dell’Area Finanziaria sono: Servizi Finanziari, Risorse Umane, Provveditorato economnato e aziende partecipate, Entrate Tributarie . Infine i sei dipartimenti dell’Area Tecnica sono: Lavori Pubblici, Manutenzione Immobili comunali, Politiche del Territorio, Edilizia Privata, Mobilità Urbana, Ambiente. Nelle prossime ore saranno resi noti ufficialmente i nomi dei 19 dirigenti che saranno a capo dei dipartimenti. Per i 1800 dipendenti domani si completerà la distribuzione tra i vari uffici. @Acaffo

(54)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *