Ufficiale: Giusy Furnari la messinese in Giunta Crocetta. Fiumefreddo rinuncia

giusy-furnariAdesso è ufficiale: sarà Giusy Furnari l’assessore messinese in Giunta regionale. Dopo le polemiche dei giorni scorsi che hanno fatto seguito al rimpasto, in merito all’assenza di messinesi nella nuova Giunta, sarà la docente universitaria di Filosofia, componente del Centro studi di Filosofia italiana dell’Ateneo e coordinatrice del circolo Giustizia e Libertà a rappresentare la città dello Stretto.  Nella mattinata di ieri, la docente era stata designata, poi l’accordo, raggiunto in nottata, ha reso ufficiale il suo ingresso nella Giunta regionale al posto di Nino Bartolotta.

La nomina di Giusy  Furnari secondo Crocetta, che già la voleva candidata a sindaco di Messina alle ultime amministrative, ha particolare rilievo. «Assume un aspetto di apertura  molto importante verso la città dello Stretto, esclusa in precedenza e  – afferma il Governatore – introduce in giunta una personalità di indubbio valore professionale, etico e morale che potrà, nella legalità, portare avanti i progetti di valorizzazione e sviluppo dei beni culturali in Sicilia. Una personalità di eccellenza che ringrazio pubblicamente per avere accettato l’incarico”. Crocetta si presenterà oggi all’Ars con la squadra assessoriale al completo, nell’ottica di aprire un dialogo con tutte le forze politiche presenti in Assemblea.        La scelta di Giusy Furnari segue la rinuncia all’incarico da parte dell’assessore Antonio Fiumefreddo, che in una lettera al presidente della regione, Rosario Crocetta scrive:  

«Caro Presidente,

la violenza degli attacchi subiti in questi giorni, con il ricorso spregiudicato alla calunnia in un crescendo irrefrenabile di aggressioni, non mi stupisce giacché  so bene che combattere Cosa Nostra se mette a repentaglio la nostra vita,    insieme e prima di tutto attenta alla nostra reputazione così da confondere    ogni cosa; è un metodo vecchio ma sempre in uso.

Quel tipo di belva, che è il mafioso, inizia con l’adulazione dei suoi nemici ma quando si accorge di non avere presa ed allora passa ad infangare ed isolare, infine, se tutto è vano, uccide.

A questa consapevolezza si aggiunge la mia Fede, che è il Credo in Gesù, figlio di Dio nato dalla Vergine, crocifisso morto e resuscitato, cosicché l’indicibile dolore provocatomi in questi giorni è piccola croce rispetto a quella imposta al Cristo, ma completa, umilmente, quelle sofferenze sante mentre sono già beati quanti sono perseguitati a causa della fede, e quanti perseguono la giustizia.

Che tutto ciò, poi, avvenga nella settimana della Passione, è un privilegio di cui non sono degno.

È questo l’approccio che mantengo rispetto alla battaglia in corso, e che mi permette di guardare benignamente ad ogni mio nemico, tenendolo nel mio cuore in una considerazione di grande privilegio, quella dell’amore.

La croce però è un regalo che Gesù concesse a Simone di Cirene ed il cirenaico se ne fece carico da solo; non la volle, non la chiese, ma ricevutala non la passò ad altri.

Allo stesso modo e per questa ragione, caro Presidente,non posso accogliere il tuo invito affettuoso ad accettare il prestigioso incarico di assessore.

L’attacco alla mia persona servirebbe in quel caso a colpire il governo,a cogliere ogni occasione per indebolire l’azione di profondo    cambiamento da te avviato.

Non posso, pertanto, assecondare la tua generosità volendo anche restare libero di portare avanti il mio impegno per la giustizia e la   legge, senza doverlo contemperare con le esigenze di temperanza che    si impongono a chi governa.

Credo, anzi, di poterti essere assai più utile continuando a sostenerti come cittadino intransigente, come avvocato orgoglioso di garantire lo stato di diritto a Caino, come docente universitario impegnato a spiegare agli studenti quanto vale il loro impegno, come editore difendendo un’informazione libera ed indipendente che il mio ruolo di governo inevitabilmente potrebbe condizionare.

Ti chiedo, quindi, di andare avanti, di non cedere di un passo, di rendere anzi ancor più radicale l’azione del cambiamento, di mantenere il piglio ed i modi della rivoluzione.

Per la mia terra e per i miei valori sono pronto a dare la vita,e per farlo sarà più bello non stare comodamente seduto in eccellenti poltrone di governo bensì mantenendomi tra la povera gente, dove risiede il giusto, piccolo tra la folla, dove vigono sentimenti veri, umile tra i    piccoli, dove nessuno ti ossequia per accoltellarti.

Con te, ringrazio tutti coloro che mi hanno sostenuto e che mi hanno chiesto di non mollare, amici parlamentari, uomini e donne delle istituzioni, semplici cittadini. Ma, io non mollo, bensì agisco da uomo libero. Sempre grato dell’onore ricevuto, ti rinnovo il mio affetto. Sei nelle mie preghiere».        

(104)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *