Scale mobili di via Peculio Frumentario. Richiesto incontro con la ditta esecutrice dei lavori

scale mobili-3Sulle scale mobili di via Peculio Frumentario che avrebbero dovuto collegare  la via XXIV Maggio al viale Principe Umberto, il consigliere comunale Piero Adamo e il consigliere della IV circoscrizione Daniele Travisano scrivono al Commissario Straordinario dell’Azienda Trasporti Messina, l’ingegnere Domenico Manna. L’opera, costata 799.475,28 euro, è stata completata il 21 dicembre 2007 e collaudata il 27 settembre 2009, ora i due consiglieri chiedono che non finisca «nel desolante elenco delle “incompiute messinesi”».

«Facciamo seguito alla nostra interrogazione dell’11 settembre scorso e con piacere apprendiamo che, finalmente, l’Atm, sotto la Sua direzione, ha ritenuto opportuno dotarsi di un tecnico abilitato alla gestione del servizio delle scale mobili. Da qualche giorno infatti — si legge nella nota di Adamo e Travisano —, l’ingegner Carmelo Crisafulli, attuale direttore di esercizio della tranvia al quale pubblicamente diciamo “grazie” per avere risposto al nostro appello, ha conseguito l’integrazione al proprio patentino “Ustif” che gli permette di essere anche responsabile di esercizio del servizio di scale mobili».

Ma risolto il problema “burocratico” più stringente i consiglieri chiedono all’ingegnere Manna di «accelerare l’iter per la messa in esercizio dell’impianto convocando al più presto un tavolo tecnico, anche alla presenza dei sottoscritti rappresentanti dei cittadini, con la ditta esecutrice dei lavori (la “Ferrara Ascensori di Ferrara Francesco di Piazza Armerina – Enna”) che, secondo gli accordi a suo tempo assunti, è incaricata anche di “realizzare una bozza di Regolamento di Esercizio, nonché un impianto di videosorveglianza remota e, provvedere, alla manutenzione per 4 anni dall’avvio dell’impianto”». 

(49)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *