Risolvere la crisi del commercio a Messina: la ricetta del consigliere Perrone

Mariella Perrone“Il commercio è uno dei principali motori dell’economia di Messina e, se va in crisi, come sta accadendo soprattutto in centro, ad andare in difficoltà è l’intera città”, esordisce così il consigliere comunale, Maria Perrone, nell’interrogazione rivolta al sindaco, Renato Accorinti, ed all’assessore al Commercio, Patrizia Panarello.

“Le attività commerciali cittadine concorrono in maniera significativa all’economia di Messina – afferma- e, ora che si trovano in evidente difficoltà, per la crisi che ha colpito l’intero Paese, cui si aggiungono criticità prettamente locali, occorre mettere in atto tutte le iniziative possibili per sostenerle e rilanciarle, soprattutto, ma non solo, in vista di un periodo commercialmente significativo qual è quello delle festività natalizie”.

Fin qui l’analisi, ma Perrone fa anche delle proposte per cercare di risolvere il problema.

 

“Incremento di linee Atm gratuite, che permettano ai messinesi, dalle periferie, di raggiungere facilmente il centro città per i loro acquisiti durante il periodo natalizio – propone il Consigliere -. Oppure, introduzione di agevolazioni sugli abbonamenti dei parcheggi per gli impiegati che lavorano in centro. Estensione di tale iniziativa non solo al Natale ma anche alle altre festività più importanti e ai fine settimana, in modo da agevolare e invogliare i cittadini a fare i loro acquisti in centro”.

“Sgravi fiscali per i negozianti del centro cittadino – continua – che stanno subendo un’evidente “desertificazione commerciale”. Nello specifico, un contributo per ogni singolo commerciante in crisi che copra il 50% dell’ammontare dei tributi comunali”.

“Creazione di un fondo comunale per il commercio – aggiunge -, sull’esempio di altre città d’Italia, quali per esempio Venezia e Bari,  che costituisca un aiuto economico per i commercianti in crisi, tale da permettere loro il rilancio dell’attività”.

“Estensione delle suddette misure, qualora ne ricorrano le condizioni, a tutti i commercianti della città. Istituzione di un tavolo permanente di concertazione sul commercio cittadino cui siederanno – suggerisce Maria Perrone – i rappresentanti dell’Ente comunale, i rappresentanti delle associazioni di categoria e i rappresentanti dell’associazione dei proprietari di immobili dati in affitto per uso commerciale”.

“Compito del tavolo – spiega il consigliere Udc – sarà un costante monitoraggio della situazione del commercio cittadino per l’analisi delle sue criticità e l’elaborazione di proposte a supporto del settore. Uno dei principali compiti del tavolo di concertazione – puntualizza – dovrà essere il monitoraggio dei prezzi dei canoni d’affitto delle botteghe degli esercizi commerciali della città, il cui rincaro, in alcuni casi fuori mercato, costituisce una delle criticità principali che stanno dietro alla desertificazione commerciale in atto nel centro”.

Infine, propone:”L’elaborazione e l’attuazione di un programma di eventi culturali e artistici, che copra tutto l’anno, da svolgersi nel centro cittadino nei fine settimana, allo scopo di invogliare i messinesi a riviverlo nuovamente”.

Il consigliere Perrone, si dice “certa che il Sindaco e l’assessore comunale al commercio vorranno prendere in considerazione le proposte e, soprattutto, che sapranno porre al centro dell’azione amministrativa il problema della crisi del commercio a Messina, evitando il fallimento di altre attività commerciali, piuttosto che preoccuparsi dell‘estetica delle vetrine di negozi già falliti”.

“La crisi del commercio a Messina – conclude – è estremamente seria e da affrontare con interventi immediati, radicali e concreti, che sappiano fermare la moria degli esercizi del centro, aiutando i negozianti a non fallire”.

(153)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *