Riqualifica delle coste locali. Parisi (Pdl): «Sinergia tra pubblico e privato»


Pierluigiparisi«Coste interminabili e mare invidiabile sono risorse della natura mai sfruttate nel corso degli anni. La città possiede una carta vincente per l’affermazione di un turismo  che da sempre viene citato come il settore migliore per risollevare le sorti di una città disagiata. Se cittadine dell’Adriatico, vedi Rimini, Riccione e simili, sono riuscite nel tempo a rappresentare un punto di riferimento per i turisti di ogni paese e di tutte le generazioni   con un tratto di mare e di costa lontani per bellezza e trasparenza dalle nostre fortune naturali è certamente a causa di una carente organizzazione politica imprenditoriale».    È quanto espresso da Pierluigi Parisi, Componente del Coordinamento cittadino del Pdl che si espone a favore del connubio tra privato e pubblico al fine di valorizzare e riqualificare le coste locali. «Messina non ha nulla da invidiare ai luoghi citati – commenta – che, peraltro, hanno subito un calo sul fronte economico e turistico negli ultimi anni. Il nostro territorio invece risulta poco sfruttato proprio lungo le riviere marittime sia a nord che a sud, pur essendo potenzialmente ricco di risorse storico-paesaggistiche. In quest’ottica — continua — vanno incentivate le iniziative di gruppi imprenditoriali che abbiano voglia, idee e possibilità di incrementare il settore turistico  e di investire seriamente sul nostro territorio. La sinergia tra privato e pubblico potrebbe essere la svolta per la città dello Stretto  sotto forma di scambio di intenti e di servizi».  Per queste ragioni Parisi esorta il Comune a trovare dei partner tra i privati interessati al progetto turismo, in modo da incentivare la possibilità degli operatori del settore di creare strutture e posti di lavoro senza costi aggiuntivi.  «Un polo turistico estendibile per tanti Km — prosegue l’esponente del Pdl — coinvolgerebbe non solo un settore ma anche il commercio, lo sport e la cultura ne trarrebbero notevoli benefici. Anche l’utilizzo del suolo pubblico senza gli orpelli burocratici del caso ma con un preciso regolamento comunale agevolerebbe la crescita di tante idee e tante attivita». La proposta, dunque, è di riservare spazi pubblici per l’apertura di attività commerciali che possano autogestirsi senza pagare il suolo ma garantendo il mantenimento del decoro urbano con la pulizia e la cura del verde attrezzato. E ancora: Parisi promuove la realizzazione di strutture alberghiere e “Bed & breakfast” che possano sorgere proprio vicino alle coste, rispettando i limiti ambientali.    

«È necessario coltivare la cultura d’impresa – dice il componente del Pdl. Un Comune che pensa all’imprenditoria, soprattutto quella giovanile, deve cercare di facilitare la vita a chi vuol avviare e sviluppare un’impresa. Nel contempo molte risorse umane e finanziarie verrebbero liberate e indirizzate verso settori più strategici come il turismo crocieristico e non».

Parisi interpella il candidato sindaco del Pdl, Enzo Garofalo, e i co-coordinatori provinciali Germanà e Mancuso sulla possibilità di trovare imprenditori che si interessino alla nostra città. «I nuovi partner del Comune — chiarisce Parisi — potrebbero conoscere il territorio più da vicino per programmare insieme al sindaco lo sviluppo socio-economico. La politica del fare impresa dovrà agire anche sulla tempistica: bisogna de-burocratizzare l’ente e garantire tempi certi ed informazioni rassicuranti per creare attività sviluppo  nella massima trasparenza e rispetto delle regole».

(70)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *