Riforma Autorità Portuali, Cantali: “Si faccia rete con Reggio e Villa S.G.”

portoIn vista dell’imminente riduzione del numero di Autorità portuali, inserita nel nuovo piano governativo del sistema portuale italiano, verrà ridefinito il futuro anche dell’Ente presieduto da Antonino De Simone. Sulla questione, nell’agosto del 2014 il sindaco Accorinti era intervenuto incautamente appoggiando l’eventuale fusione tra l’Autorità portuale di Messina con quella di Gioia Tauro.

Una scelta che il consigliere comunale Carlo Cantali ritiene dannosa per l’economia della città che perderebbe ulteriori uffici e dunque prestigio. “Il porto di Gioia Tauro – spiega l’esponente di Felice per Messina – soffre da anni di una profonda crisi finanziaria legata alla sua marginalizzazione rispetto alla rete ferroviaria europea. Non sono previsti in tempi brevi interventi strutturali. La stessa Regione Calabria ha espresso parere negativo circa la fusione Gioia Tauro – Messina, spingendo per un accorpamento con Corigliano e Crotone”.

“Le problematiche dei porti di Messina, Reggio Calabria e Villa S.Giovanni – precisa Cantali – sono invece analoghe ed è semplicemente ridicolo immaginare che scali così simili distanti solo 5 km siano gestiti da enti diversi. Appare molto più rispondente alle esigenze della città la conversione dell’attuale Authority in Sistema Portuale dello Stretto che estenda la giurisdizione sui porti di Messina, Milazzo, Tremestieri, Reggio Calabria e Villa S.Giovanni, da considerare come unica e indissolubile entità”.

A prescindere dal futuro accorpamento, Cantali sottolinea comunque la necessità di mantenere la sede del nuovo Ente a Messina. Cantali chiede dunque al sindaco Accorinti di informare il Consiglio comunale sugli intendimenti amministrativi che vorrà intraprendere in riferimento alla tematica in questione. “Solo in conseguenza ad un democratico confronto – conclude il consigliere- si comunicheranno al Ministro le richieste della città”.

(16)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *