Ponte sullo Stetto di Messina. La senatrice D’Angelo: «Non è previsto nel contratto di Governo»

La senatrice Grazia D’Angelo entra a gamba tesa nella riaccesa discussione riguardante la costruzione del Ponte sullo Stetto di Messina, mettendo a tacere quanti, negli ultimi giorni, hanno riacceso i riflettori su uno dei progetti più chiacchierati d’Italia.  «Il Ponte sullo Stretto non è previsto nel contratto di GovernoContinuare a tirarlo in ballo serve solo a distogliere l’attenzione dai problemi incombenti della Sicilia e di tutto il Mezzogiorno, dei quali intendiamo farci carico nell’immediato, come dimostra l’istituzione dell’Autorità Portuale a Messina, che sarà fondamentale per la portualità del capoluogo e di Milazzo, ma anche il Reddito di Cittadinanza e l’introduzione della “quota 34” negli investimenti, un terzo dei quali saranno destinati al Sud, senza dimenticare l’autostrada Ragusa-Catania, che presto sarà realtà, il raddoppio ferroviario fra Giampilieri e Fiumefreddo e lo stanziamento di 25 milioni per la ristrutturazione dell’aeroporto di Reggio Calabria». 

A margine del convegno “La Sicilia e l’Italia: un progetto di coesione e di condivisione”, tenutosi sabato 19 gennaio a Palazzo Zanca, la senatrice del Movimento 5 Stelle interviene sull’annosa questione del Ponte di Messina, di fatto mettendo a tacere le opinioni espresse dal Presidente della Regione Nello Musumeci.

«Al netto delle varie posizioni in merito, favorevoli o contrarie, non è possibile pensare che la crescita infrastrutturale della Sicilia debba essere messa sotto scacco dal progetto Ponte: si tratta di una sorta di “ricatto” che per decenni ha paralizzato lo sviluppo dell’intera regione, comportando per di più una spesa di 300 milioni di euro, certificata dalla Corte dei Conti, senza che si sia ancora smossa una sola pietra. La Sicilia ha invece urgente bisogno di una cura rapida, per superare in maniera immediata il ritardo atavico dell’isola nel sistema di trasporti. Per questo, prima di pensare a opere mastodontiche che fanno presa in campagna elettorale, è fondamentale rimettere a nuovo strade, autostrade e linee ferroviarie, che non possono di certo essere “barattate” con il nulla osta sul Ponte, come a qualcuno ha fatto comodo far credere in passato. Solo quando milioni di siciliani non saranno più costretti ad affrontare strade colabrodo e odissee quotidiane potremo metterci serenamente a discutere del Ponte, senza alcuna posizione pregiudiziale».

Il pensiero della senatrice Grazia D’Angelo, quindi, coincide con quanto espresso dal sindaco di Messina Cateno De Luca che, interrogato sull’argomento “Ponte SI – Ponte NO” non aveva nascosto il suo essere favorevole alla realizzazione dell’opera ma solo dopo aver lavorato per garantire a Messina ed ai messinesi una migliore qualità della vita.

(467)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *