Nuovi assessori. E se spunta un “Fiorino” in Giunta?

palazzo zancaSventata la minaccia sfiducia, la stanza dei bottoni di Palazzo Zanca si è rimessa in moto per partorire un nuovo rimpasto della Giunta Accorinti, il terzo in quasi quattro anni di governo. Dopo gli addii degli “infedeli” Luca Eller e Daniela Ursino, entrambi usciti di scena per incompatibilità di vedute con il Sindaco e il suo entourage, ci sono due poltrone da assessore da rioccupare.

Alcuni giorni fa avevamo prospettato l’ingresso in Giunta di  ‘qualcuno’ che proviene dal “Vittorio Emanuele” . L’identikit corrisponderebbe a Luciano Fiorino, ex ufficio stampa dell’Università di Messina, nominato lo scorso giugno dal sindaco Accorinti come componente del Cda dell’Ente Autonomo Teatro Regionale Teatro di Messina. Fiorino, da sempre vicino al primo cittadino, prenderebbe la delega alla Cultura che fu di Perna e Ursino.

Per il delicato posto di assessore al Bilancio, invece, né conferma né smentita sul nome del docente universitario Dario Latella, tra i primi nomi ipotizzati dopo il rifiuto di Cannizzaro. E se smentita dovesse arrivare su Latella, potrebbe profilarsi il ritorno di Guido Signorino con un nuovo rimpasto di deleghe. A quel punto entrerebbe a Palazzo Zanca Federico Alagna, componente di Cambiamo Messina dal Basso che avrebbe ricevuto maggiore gradimento del consigliere Ivana Risitano.

Nelle prossime ore si saprà sicuramente di più e non è probabile che già all’inizio della prossima settimana, il sindaco Accorinti possa scogliere le riserve. E se per Fiorino la poltrona più credibile, viste le sue competenze nel campo di eventi e spettacoli, rimane quella lasciata dalla Ursino. Resta da capire dove andrebbe Alagna. Lo sapremo ad avvenuta rimodulazione deleghe.

Andrea Castorina

(856)

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *