Nuova Destra: “Giunta e consiglieri incapaci. Dimettetevi”

palazzozanca“Giunta e Consiglio tra disonestà intellettuale e giuridica: Dimettetevi tutti”. La Federazione Nuova Destra, dopo i fatti che si sono succeduti in città e che hanno messo a dura prova i cittadini, intende manifestare il proprio dissenso riguardo le politiche gestionali ed amministrative della cosa pubblica.

“In passato – spiega il gruppo politico –  abbiamo ampiamente documentato e denunciato il fallimento di questa Giunta comunale, evidenziando le incompiute, la mancanza di servizi e la realizzazione di opere inutili. Oggi, nostro malgrado, siamo costretti a rincarare la dose, ci sentiamo obbligati di evidenziare le scellerate scelte riguardo le politiche gestionali delle municipalizzate e della gestione diretta dei servizi di utilità collettiva. Non si può nemmeno immaginare che le soluzioni dei tanti problemi legati alla città debbano passare esclusivamente attraverso la Magistratura. I problemi sono di pubblica conoscenza, si facciano tutte le denunce necessarie, ma si provveda a trovare le soluzioni legali e tecniche necessarie alla ripartenza della macchina amministrativa. La vivibilità della nostra amata città è messa a dura prova da tante incompiute e cattive gestioni. In tema di assistenza agli anziani, nulla o quasi nulla è stato prodotto da questa Amministrazione. Il problema delle barriere architettoniche, tema ampiamente dibattuto durante la campagna elettorale dal primo cittadino, non è stato minimamente risolto, così come sono venuti meno tanti servizi a favore dei diversamente abili. Nulla si è fatto riguardo la messa in sicurezza dei beni Comuni e del Territorio, lasciando danneggiare opere strutturali ed essenziali, come la conduttura dell’acquedotto cittadino”.

“Un danno irreparabile è stato, inoltre, procurato all’Edilizia, settore trainante dell’economia locale. E’ corretto non consentire la costruzione abusiva o legata alle area altamente condizionate dal dissesto, ma è anche necessario che si provveda a studiare, per il settore, delle forme alternative di lavoro, finalizzate al recupero delle attività in sofferenza e di quelle ormai dismesse. Dopo quasi tre anni di mandato, continuiamo ad essere sommersi della spazzatura, con gli alberi che ci crollano addosso e con una condotta idrica che impone serie astinenze, mettendo a dura prova i cittadini. Poco, inoltre, è stato realizzato riguardo l’abbattimento degli sprechi economici della macchina pubblica, soltanto una enunciata volontà del primo cittadino di volere destinare una parte cospicua del suo compenso a favore del micro credito, ma senza ancora avere provveduto con apposito procedimento amministrativo. Le nomine dei dirigenti degli enti pubblici, infine, sono ancora oggi effettuate con la stessa metodologia del passato. Continuano a prevalere scelte atipiche o legate al manuale Cencelli, con la conseguenza che il più delle volte gli incarichi sono strettamente legate al soddisfacimento delle esigenze politiche rispetto a quelle di beneficio sociale o collettivo”.

“Fatta questa doverosa premessa – prosegue la nota –  è anche importante sottolineare l’incoscienza e l’inadeguatezza di alcuni consiglieri comunali, che hanno voluto dare all’attività di rappresentanza dei cittadini un valore diverso da quello di servizio e di missione. Essere caduti sotto le lenti della Magistratura per avere abusato di un privilegio remunerativo (di questo si tratta) ed essere incappati nella gettonopoli è sintomo di leggerezza e d’inappropriata visione della funzione di consigliere e di controllore degli atti amministrativi e del bene comune. E’ per questi motivi che la Federazione Nuova Destra chiede alla Giunta, incapace di essere determinante e costruttiva, ed ai Consiglieri dalle gettonopoli, che svolgono l’attività di rappresentanza principalmente per un beneficio economico personale, di dimettersi, evitando che il proseguo di questa amministrazione possa diventare un dramma comune”.

(115)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *