Messinambiente. Il clima si fa rovente, lavoratori invadono l’aula consiliare

Si fa sempre più rovente il clima attorno alla nascita della Messina Servizi Bene Comune. Questa mattina, in occasione della seduta ordinaria della commissione ambiente, un nutrito numero di lavoratori di Messinambiente ha fatto irruzione nell’aula consiliare interrompendo i lavori.

sdr

sdr

Non è difficile intuire i motivi della protesta, perchè nel mirino delle casacche arancioni sono finiti i consiglieri comunali, rei di aver fatto cadere il numero legale nella seduta di lunedì scorso, cioè quando si sarebbe dovuta votare la delibera per il contratto di servizio della nuova società. Un passaggio fondamentale per stabilire il futuro degli oltre 500 lavoratori della società di via Dogali.

sdr

sdr

In realtà, non c’è stato alcun confronto tra il civico consesso e i manifestanti, visto che quasi tutti i consiglieri presenti hanno poi abbandonato l’aula. “Vergogna”, “ve ne andate perchè tanto ormai vi siete presi il gettone di presenza”, “siete dei delinquenti”, queste le urla che i lavori hanno lanciato all’indirizzo dei consiglieri che uno ad uno hanno abbandonato l’aula.

Ad intervenire è stata la presidente della commissione, Cecilia Caccamo: “Ci tengo a stigmatizzare la posizione politica dei miei colleghi, ciò che contesto non è la contrarietà alla delibera ma l’assenza in aula. Noi abbiamo il dovere di dare delle risposte a questi lavoratori. Dall’altra parte, però, è giusto che sappiate i nomi di chi lunedì era in aula, non è giusto fare di tutta l’erba un fascio”.

A capo della protesta il segretario provinciale dell’Fp Cgil, Carmelo Pino: “Ora basta, questi lavoratori da tempo vengono additati di essere dei fannulloni e di lasciare volontariamente i rifiuti per strada così da poter fare gli straordinari. Sgombriamo il capo da equivoci di ogni genere, da oggi entriamo in stato agitazione. Questi operatori da tempo fanno turni massacranti e lavorano con mezzi vetusti, devono sapere come e quando avverrà il loro passaggio alla nuova società”.

Antonio Macauda

(283)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *