“Messina non ha paura”, CMdB e Amici di Beppe Grillo esprimono solidarietà a “Soccorriamoli”

13769404_1123610624363277_6844155830036141309_nLa notte dello scorso 23 luglio, al rione Santo, un’ambulanza veterinaria dell’associazione “Soccorriamoli” Messina Onlus è stata data alle fiamme. Un atto intimidatorio ai danni di un servizio volontario che soccorreva cani e gatti randagi della città.

Sull’accaduto interviene Lucy Fenech, a nome del gruppo consiliare di Cmdb: “Esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza all’Associazione “Soccorriamoli” per il grave attentato subìto questa notte.”

“In questi anni abbiamo seguito da vicino e con affetto l’associazione animalista, nata il 29 Settembre 2014, con il progetto di acquistare un’autoambulanza veterinaria per aiutare gli animali randagi, cani e gatti in particolare, fornendo anche ai privati un servizio utilissimo di primo soccorso veterinario ancora non esistente in città – racconta il Consigliere comunale – Ci sono voluti due anni e mezzo per raccogliere i fondi per l’acquisto dell’autoambulanza, con il sostegno di tanti cittadini ed associazioni, e con l’organizzazione di molte iniziative, come lo spettacolo teatrale o la cena vegana al Monte di Pietà, le manifestazioni cinofile in Fiera e a Villa Dante, i numerosi banchetti di raccolta fondi. Nel Novembre del 2015, finalmente, l’Associazione “Soccorriamoli” aveva raggiunto l’obiettivo e a Dicembre aveva presentato l’autoambulanza alla città. Successivamente i volontari avevano partecipato al corso dell’Asp per il primo soccorso veterinario, ottenendo l’autorizzazione sanitaria.”

“L’ultima tappa – continua Fenech – sarebbe stata l’acquisto delle divise, per la quale l’associazione stava già organizzando un’altra manifestazione cinofila amatoriale da svolgersi in autunno. Tanto sacrificio, quindi, tanto tempo, tante energie per costruire un sogno. Ci vogliono tempo e fatica per costruire. Una sola tanica di benzina, un solo gesto ed una sola notte per distruggere una storia collettiva che meritava rispetto, sostegno e cura. Ci auguriamo che possa essere fatta presto luce sugli autori dell’incendio doloso e soprattutto che sia possibile comprendere le motivazioni di un tale gravissimo gesto.”

Anche il meetup Amici di Beppe Grillo esprime solidarietà all’associazione colpita dall’atto vandalico: “Ciò che è accaduto è sotto gli occhi di tutti e ci pone davanti a due constatazioni: la prima, l’incomprensibilità di un atto così vigliacco e crudele; la seconda, che non deve permettersi a simili gesti di avere un potere tale da bloccare il meglio che una città come la nostra, dove impegno e forza di volontà sono ora più che mai essenziali, esprime.Confidiamo nel lavoro degli inquirenti per assicurare alla giustizia gli esecutori (a qualsiasi titolo) del gesto. Alla ferma condanna però, coerentemente col nostro modo di essere, passiamo ai fatti: a giorni contribuiremo con una donazione, mediante una raccolta tra i nostri attivisti, al fine di contribuire al ripristino del mezzo.”

Conclude, così, il comunicato: “Messina non si arrende alla paura.”

(114)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *