Messina nel degrado. Federazione Nuova Destra: “Amministrazione incapace”

federazione nuova destraLa Federazione Nuova Destra, interviene riguardo lo stato generale di degrado e d’abbandono in cui versa la città di Messina.

“Spesso ci siamo soffermati sulle problematiche ataviche del comune di Messina e delle sue partecipate – afferma Franco Tiano, portavoce Federazione Nuova Destra -, sulla mancanza di programmazione e di una linea di condotta condivisa tra politica e società mirante alla loro definitiva risoluzione. A tale scopo abbiamo più volte sostenuto che bisogna intanto invertire la rotta, trasformando la gestione politica ed assistenziale delle partecipate ad una più efficiente e consona di tipo professionale, avvalendosi delle tante eccellenze presenti nel territorio”.

“La mancanza di risultati è principalmente individuabile in alcune scelte politiche – prosegue – , tra queste quelle sulle nomine dei dirigenti, fatte spesso per accontentare l’elettorato e non per rendere un servizio di qualità. Molti nominati posseggono esperienze fatiscenti, i loro studi e le loro professioni non corrispondono alle migliori eccellenze locali. Questo avviene soprattutto quando i nomi fuoriescono da segreterie di partito.

“Seconda più importante considerazione è l’incapacità dei nostri rappresentanti politici, regionali e nazionali, – aggiunge –  difronte a scenari come quelle della raccolta dei rifiuti e dell’erogazione idrica, di trovare soluzioni migliorative e risolutive dei problemi. Uomini che però non si sottraggono a segnalare o raccomandare i propri amici affinché vengano utilizzati per tamponare le continue emergenze”.

“Messina avrebbe bisogno di essere amata – sottolinea Tiano -, curata e rispettata, dai politici e soprattutto difesa dai cittadini, spesso assenti nei momenti in cui bisognerebbe far valere i propri diritti. Una rete idrica vecchia di 40 anni ed una Azienda di raccolta dei rifiuti fatiscente, priva di uomini e mezzi adeguati, hanno messo in ginocchio una città, incredula ed  inerte, lontana dal pensare che questi governanti di oggi, dal sapore rivoluzionario, innovativo e trasformista, si sarebbero palesemente rilevati i peggiori di ogni tempo, dediti soltanto alla quadra di un bilancio inesistente e compromesso dalle disattenzioni e cattive gestioni del passato”.

“In questo quadro drammatico e inefficiente, – continua – si aggiungono le perdite di  importanti pezzi storici della città per danno di chi continua ad astenersi, anche se con preciso mandato politico ed amministrativo, di difendere il territorio e quelle poche volte che lo hanno fatto è stato per uno specifico e personale tornaconto, come è ultimamente avvenuto per il Piemonte e il Polo Culturale del Margherita”.

“Le motivazioni, nemmeno a dirlo, – precisa – sono sempre legate a fare pareggiare i conti e non ad offrire adeguati servizi ai cittadini.Tutto è quindi a perdere, senza nessuna difesa politica e con la certezza di rimanere per lungo tempo l’ultima città d’Italia, per vivibilità e per produttività. Quale rimedio? Soltanto uno scatto d’orgoglio, di riconquista della dignità e di seria protesta verso le istituzioni, un cambiamento repentino di mentalità e di uomini, non più scelti per tutelare la raccolta in campagna elettorale, ma in base al merito, per risolvere tutti gli atavici problemi messinesi e riportare Messina in alto, com’è giusto che sia, per bellezze paesaggistiche, clima ed eccellenze varie”. 

“Intanto chiediamo che sia portata l’acqua nelle abitazioni – afferma -, che sia fronteggiata l’emergenza con competenza, immediatezza e risolutezza, badando alle necessità primarie dei cittadini anche a discapito dei conti è delle conseguenze del dissesto. I beni comuni bisogna difenderli con coraggio e competenza, senza limiti e con autorevolezza”.

“Ci uniamo e condividiamo le battaglie sulla Tari e quelle che arriveranno per il mancato ripristino delle condotte idriche – conclude Franco Tiano -, ma sappiamo che il vero cambiamento sta nel pretendere i diritti e denunziare le ingiustizie, oltre a fare i propri doveri di cittadini”.

(45)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *