Messina. Gioveni chiede la rimozione della pista ciclabile: «Inutile e pericolosa»

pista ciclabileMessina. Si torna a parlare della pista ciclabile urbana, con la proposta, avanzata dal consigliere comunale, Libero Gioveni e rivolta al sindaco De Luca, di eliminarla al più presto.

Gioveni apre il suo intervento replicando alle affermazioni dell’ex assessore ai Trasporti pubblici, Gaetano Cacciola: «Forse ha anche ragione su alcune questioni, ma giuro che se, il primo cittadino, dovesse decidere di rimuovere l’assurda, inutile e pericolosa pista ciclabile in centro, io gli stringerei la mano».

In passato il Consigliere comunale aveva già richiesto la rimozione della pista ciclabile urbana, realizzata dall’Amministrazione Accorinti: «Pur essendo concettualmente favorevole all’idea di disporre di uno spazio per il percorso delle biciclette – afferma Gioveni – insisto nel dire che il percorso ciclabile realizzato, più di 4 anni fa, oltre che sul corso Cavour, anche in via Cesare Battisti, in via Garibaldi e in via Tommaso Cannizzaro fronte Università, abbia deluso le aspettative, se non altro perché quasi inutilizzato dai cittadini, forse poco avvezzi all’uso della bici in città».

Il Consigliere del gruppo Pd sottolinea quanto l’inciviltà del cittadino messinese, contribuisca ad aumentare i problemi di viabilità nelle strade attraversate dalla pista: «L’anarchia e l’inciviltà che regnano incontraste nelle nostre strade rendono tutta la situazione viaria davvero ingestibile. Nelle mie richieste di eliminare la pista ciclabile urbana, infatti, ho sempre riportato l’esempio della caotica via Cesare Battisti, nel tratto compreso fra la via Cannizzaro e la via Garibaldi, dove, a causa della perenne doppia fila sul lato destro della carreggiata, che mal si coniuga certamente con gli spazi già sottratti al transito delle autovetture dalle previste corsie degli autobus e delle biciclette, si è praticamente trasformata in una strada ad un’unica corsia».

Non solo problemi al traffico, ma anche pericoli per i ciclisti in transito: «Sono evidenti i pericoli che corrono i ciclisti che percorrono le strada senza alcuna protezione proprio a ridosso della corsia dei bus. Non si può non sottolineare l’inutilità e la pericolosità di questo percorso ciclabile urbano che chiedo, pertanto, al sindaco De Luca e all’assessore alla mobilità Mondello di rimuovere».

(244)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *