L’acqua dell’Alcantara costa troppo. I capigruppo di centrosinistra chiamano la Regione a “tagliare” il prezzo

capigruppo centrosinistraI capigruppo consiliari di centrosinistra sollecitano la Regione sui costi idrici: l’acqua pagata alla Siciliacque per l’uso dell’Alcantara è esosa, 0,69 a metro cubo. Il rifornimento dal Fiumefreddo non basta. Oggi a Palazzo Zanca incontro tra i capigruppo di centrosinistra, guidati da Giuseppe Santalco che si è fatto promotore dell’iniziativa, e i deputati regionali Marcello Greco e Filippo Panarello. Era presente anche il direttore generale Luigi La Rosa che ha spiegato come l’Amam abbia già disposto per la città una riduzione delle risorse idriche per queste settimane estive. La convenzione con la Siciliacque risale al 2009 e secondo Santalco – come confermato da La Rosa – una gran parte dei debiti dell’azienda meridionale acque è da attribuire agli alti costi idrici imposti dalla Siciliacque per l’utilizzo dell’Alcantara. Tra l’altro, rispetto ad altri centri siciliani, l’acqua dell’Alcantara diretta a Messina non ha bisogno di particolari macchinari come invece per il resto della Sicilia. A “soffrire” anche altri comuni messinesi, soprattutto quelli ionici.

(36)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *