Il Consiglio approva la delibera e “salva” l’acquario comunale

acquarioPer usare un’espressione del gergo calcistico, l’acquario comunale è stato salvato in zona “Cesarini”. Ieri pomeriggio il Consiglio comunale ha approvato la delibera che prevede l’utilizzo dei 70mila euro, già approvati in bilancio, necessari all’adeguamento della struttura. Verrà infatti acquistata una vasca di stabulazione e ristrutturati vari locali all’interno dell’impianto di villa Mazzini. Interventi necessari per ottenere le certificazioni ministeriali. Nel frattempo, l’ordinaria manutenzione dell’acquario non ha subito alcun rallentamento anche grazie alla proroga della scadenza, inizialmente fissata per il 15 giugno.

La vicenda si chiude con un lieto fine dopo un lungo e tortuoso iter burocratico. La scorsa settimana il Revisore dei Conti aveva dato parere negativo bloccando i 70mila euro. Il Cespom doveva infatti produrre un nuovo Piano finanziario, convertendo i servizi offerti da Cnr e Università in termini economici. Il Consorzio di ricerca ha inizialmente presentato una documentazione relativa al 2015 incassando l’ennesimo “no” dal Revisore: il Piano doveva infatti riferirsi al 2014.

Il Cespom ha dunque modificato in extremis il resoconto finanziario e, per mano dell’assessore all’Ambiente Daniele Ialacqua, ha riportato il faldone sulla scrivania del Collegio presieduto da Dario Zaccone, ricevendo il via libera.

La palla è dunque passata in Aula dove è stata approvata la delibera. Nel corso della seduta del Consiglio comunale è però emersa l’esigenza di rimodulare lo Statuto che regolamenta l’acquario comunale. “Esprimo soddisfazione per l’esito della vicenda – precisa il consigliere Rita La Paglia – adesso è necessario rivedere uno Statuto che attualmente non consente di valorizzare al meglio la struttura di villa Mazzini. Occorre inoltre – spiega l’esponente Dr – leggere con attenzione i passaggi burocratici, ognuno per le proprie competenze. L’acquario deve divenire un vero e proprio centro d’eccellenza”.

Andrea Castorina

(286)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *