I deputati Garofalo, Germanà e Nania presentano emendamenti che potrebbero dare ossigeno ai Comuni alluvionati

alluvione saponaraSono quattro gli emendamenti al decreto-legge n. 174/12- recante disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamento degli enti territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate nel maggio 2012- presentati in Senato, che potrebbero, se accolti, dare una boccata d’ossigeno ai comuni alluvionati e non solo.

“Quando il sindaco di Barcellona P.G. Maria Teresa Collica- ha detto il deputato Pdl, Vincenzo Garofalo- ha lanciato l’appello per ulteriori interventi a sostegno dei comuni alluvionati, il decreto era già stato esaminato alla Camera, per cui con Germanà ed il senatore Nania, ci siamo messi al lavoro in modo da poter predisporre emendamenti al decreto che potessero essere presentati in tempo utile per l’esame in Senato”.

La finalità degli emendamenti è quella di sostenere i comuni della provincia di Messina, colpiti dall’alluvione del novembre 2011, estendendo interventi già predisposti in passato per le province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, interessate dagli eventi sismici del maggio 2012.
Gli emendamenti intendono “alleggerire” il patto di stabilità interno attraverso:

1)l’esclusione delle sanzioni per il mancato rispetto dei vincoli per i comuni interessati dall’evento calamitoso;
2) l’esclusione dal saldo del patto di stabilità per le maggiori spese sostenute dalle aree territoriali del messinese per interventi di ripristino dei danni derivanti dall’alluvione;
2)un alleggerimento degli obiettivi del patto di stabilità per il 2012, al fine di migliorare gli effetti negativi sull’indebitamento netto per un importo complessivo pari a 50 milioni di euro per i comuni del messinese;
3) la previsione della possibilità di stipulare nuovi mutui con la Cassa depositi e prestiti (l’emendamento in realtà è esteso in generale a tutti i comuni che presentano squilibri di bilancio che non sono in grado di rispettare gli obiettivi del patto di stabilità);
4) la previsione di un credito d’imposta e finanziamenti bancari agevolati per la ricostruzione dei territori colpiti dall’alluvione del 2011 in provincia di Messina (anche questo emendamento è”mutuato” da quanto previsto dal decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95 a favore delle zone colpite dal sisma del maggio 2012).

(39)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *